L’ad della Rai difende Fazio: «Grande talento». Ma Salvini lo stronca: «Preferisco Peppa Pig»

di Redazione

Fabrizio Salini, intervenuto al festival della tv, ha parlato di nuovi progetti in vista con Fabio Fazio per il programma autunnale. Da San Giuliano Terme, il ministro dell’Interno ha ancora una volta lanciato frecciatine al conduttore ligure

«Con Fazio stiamo valutando. Tra due mesi presenteremo i palinsesti autunnali, ci sono diverse ipotesi in campo». Così Fabrizio Salini, amministratore delegato della Rai, ha risposto sul futuro del presentatore Fabio Fazio al festival della tv e dei nuovi media a Dogliani. «Considero Fazio uno dei talenti televisivi in forza alla Rai e nel panorama televisivo italiano», ha continuato Salini. 

Dichiarazioni a cui ha subito risposto il leader del Carroccio: «Non c’è niente da valutare, c’è semplicemente da tagliare uno stipendio milionario e vergognoso pagato dagli Italiani».

Proprio oggi Salvini è tornato ad attaccare il giornalista della Rai: «La mia parola vale più dei sondaggi» ha detto il ministro dell'Interno commentando le previsioni sulla tenuta del Governo, «preferisco guardare Peppa Pig, anziché Fazio e la Gruber», ha sottolineato Salvini commentando i titoli dei giornali degli ultimi giorni su una spaccatura tra Lega e M5S.

https://twitter.com/statuses/1120958347367321600

Anche ieri, durante il suo comizio sul palco di Reggio Emilia, Salvini non aveva risparmiato critiche al conduttore televisivo e al suo alto stipendio: «Ci sono due categorie in Italia, i giudici e i Fabio Fazio, che non pagano gli eventuali errori che commettono […]. Mi perdonerete se domenica sera mi aveva invitato ma non sarò ospite suo, perché tanto è tempo perso…».

Il botta e risposta con il conduttore va avanti già da qualche settimana, tanto che in un'intervista a La Verità il vicepremier aveva detto di trovare «immorale che ci siano stipendi pagati da un'azienda pubblica che arrivano a milioni di euro. L'offerta è sempre valida. Se annuncia la disponibilità a ridursi il compenso, corro in ginocchio».