Multe fino a 2500 euro in Germania per i genitori no-vax. La proposta del governo tedesco

Il successo della propaganda no-vax si traduce dagli Stati Uniti all’Unione Europea nella ricomparsa di epidemie di morbillo che mettono in serio rischio la salute pubblica. Il governo tedesco ha presentato un disegno di legge che prevede pesanti multe ai genitori che negano il vaccino ai loro bambini. Se approvata la legge entrerà in vigore nel 2020

Anche in Germania incombe la minaccia di una epidemia di morbillo, tanto che si è aperto a marzo un dibattito politico sulla opportunità di rendere le vaccinazioni obbligatorie. I più sembrano favorevoli, altri preferirebbero spingere maggiormente sulla divulgazione, ma i virus non hanno la pazienza di aspettare che un numero sufficiente di genitori si lasciconvincere.

Il ministro della Salute Jens Spahn è tra i principali promotori di una proposta di legge che oltre all’obbligo vorrebbe introdurre multe fino a 2500 euro ai genitori che non vaccinano i figli, mettendo a rischio tutti gli altri, ragione per cui sarà previsto anche il divieto di ingresso negli asili, dove si trovano anche bambini non vaccinati perché ancora troppo piccoli, come spiega lo stesso Spahn:

Gli asili infantili hanno bambini sotto i 10 mesi di età, che sono troppo giovani per le vaccinazioni e sono quindi particolarmente minacciati.

Nessun divieto di accesso nella scuola dell’obbligo

Per la scuola dell’obbligo invece non sarà possibile impedire agli alunni di frequentare le lezioni, mentre i genitori saranno multati. L’obbligo delle vaccinazioni riguarderà anche tutti quelli che lavorano nelle strutture ospedaliere pubbliche e private. Le cifre parlano chiaro: in Germania si contano oltre 360 mila bambini non vaccinati, gli adulti ammontano a 220 mila. Oggi la copertura è del 93%, due punti sotto la soglia di sicurezza del 95%. Se approvata la legge entrerebbe in vigore dal primo marzo 2020.

Quali sono i pericoli di una epidemia di morbillo?

A dispetto della mistificazione messa in atto dai movimenti no-vax, grazie anche alla facilità con cui i loro messaggi viaggiano nei social network, i pericoli legati auna epidemia di morbillo sono molto seri. Mentre la supposta «libertà» di vaccinazione cozza contro quella dei bambini immunodepressi, costretti a non frequentare la scuola per evitare il contagio.

Tutte le malattie esantematiche nella maggior parte dei casi non hanno un esito particolarmente dannoso, mentre sono preoccupanti i casi in cui provocano delle complicazioni. Nel morbillo possiamo avere una «sindrome da distress respiratorio acuto» o una encefalite. Quando il morbillo colpisce i bambini sotto un anno di età abbiamo 1 caso su 700 malati con «panencefalite subacuta sclerosante» (Pess). Come ha spiegato l’infettivologo Stefano Zona a Open, «se non avessimo vaccinazioni e la malattia fosse endemica, 450 mila bambini ogni anno sarebbero a rischio di morbillo e quindi di Pess».

Foto di copertina: Flickr/Bambini in un asilo tedesco.

Per saperne di più:

Leggi anche