Il partito di Giuseppe Conte vale il 12% e ruberebbe voti a M5s e Pd

Secondo Noto Sondaggi (sondaggista di Cartabianca), il 7% dei consensi proviene dai 5 Stelle, il 3% dal Partito democratico, il 2% da altre formazioni come + Europa

Se Giuseppe Conte decidesse di mettersi in proprio e fondare un nuovo partito raccoglierebbe il 12% dei consensi. Tanto vale il suo elettorato in questo momento e chissà che, un giorno o l’altro, il premier non batta davvero in ritirata e – prima di tornare a fare l’avvocato – non valuti un simile fuori programma.

A dimostrare il valore politico di Conte è il ceo di Noto Sondaggi Antonio Noto che, nell’ultima puntata di Cartabianca, il programma di Rai 3 condotto da Bianca Berlinguer, ha snocciolato numeri e ipotizzato scenari.

Da chi proverrebbero i voti per Conte?

Secondo il sondaggio, l’attuale presidente del Consiglio non sottrae voti all’area di destra, non rappresenta dunque una minaccia per Matteo Salvini, Giorgia Meloni o Silvio Berlusconi.

A votarlo, stando alla posizione di Noto, sarebbe soprattutto l’elettorato di M5s e Pd e, in misura minore, altre formazioni politiche di sinistra come, per esempio, +Europa. Con il 12% dei voti, «il suo partito avrebbe un peso non secondario nel panorama politico», osserva Noto.

Nel dettaglio, i numeri di Noto sondaggi sono così distribuiti: «Il 7% proviene dai 5 Stelle, il 3% dal Partito democratico, il 2% da altre formazioni come +Europa».

Il livello di fiducia per Conte e gli altri

Sul podio della fiducia tra gli elettori, stando al sondaggio di Noto, c’è il leader della Lega Matteo Salvini con il 48%. Subito dopo si posiziona il presidente del consiglio con il 42%.

Con un grande stacco, la classifica di Noto elenca poi tutti gli altri: il leader del Movimento Luigi Di Maio e quello del Pd Nicola Zingaretti che, per i rispondenti al sondaggio, sono affidabili al 28%. Ancora più indietro si incontra invece Giorgia Meloni, con il 24%, e Silvio Berlusconi il cui livello di fiducia si ferma al 18%.

Leggi anche: