Cinema America, nuova aggressione. Stavolta la vittima è una ragazza

Si tratta dell’ex fidanzata del presidente dell’associazione Piccolo America. Di Maio: «È assurdo». Raggi: «Che vigliacchi»

Stavolta la vittima è una ragazza: l’ex fidanzata del presidente dell’associazione “Piccolo America” , Valerio Carocci, è stata aggredita la scorsa notte, 18 giugno, vicino all’Arena Cinema America a Roma e non è chiaro se sia stata presa di mira proprio perché considerata vicina al volto più noto dell’associazione.

Secondo quanto riporta il Messaggero, si tratterebbe di una ragazza di 29 anni. Sarebbe stata spintonata e picchiata da due persone che l’hanno fatta cadere a terra. La giovane, poi medicata al Fatebenefratelli, è stata dimessa con qualche giorno di prognosi per un’escoriazione al volto.

Una nuova aggressione – dopo quella dei giorni scorsi a Trastevere in cui sono rimasti feriti quattro ragazzi per aver indossato appunto la maglietta del Cinema America – che prende di mira l’associazione che ha riportato il cinema nelle piazze di Roma.

Sulla vicenda indaga la Digos, già impegnata a identificare gli altri membri del branco che hanno picchiato i ragazzi a Trastevere. Finora sono state identificate quattro persone finite sotto indagine.

Le reazioni all’aggressione

Luigi Di Maio ha commentato la vicenda su Twitter. «Oggi un’altra aggressione ai ragazzi del Cinema America. A una donna, “colpevole” solo di indossare una maglietta. È assurdo. Aspettiamo l’esito delle indagini ma, a prescindere dal caso in sé, ogni forma di violenza fisica o verbale va condannata senza esitazioni», ha scritto il vicepremier.

«Che vigliacchi», commenta invece la sindaca di Roma Virginia Raggi riferendosi agli aggressori. «Gli episodi di violenza che, come ha accertato la Digos, sono collegati a militanti di #CasaPound – conclude in un tweet – sono vergognosi e non verranno mai tollerati in questa città».

Sullo stesso tema: