Cinema America, i 4 indagati per il pestaggio? Tutti di estrema destra: ecco chi sono

Sono stati identificati i primi presunti aggressori ma non si esclude che saltino fuori nuovi nomi indagati

Sono ragazzi di età compresa tra i 20 e i 38 anni, simpatizzanti o militanti di estrema destra, quelli che alle prime ore della mattina di domenica 16 giugno hanno aggredito due giovani nel quartiere di Trastevere, a Roma, rei di non essersi tolti la maglietta del Cinema America e di essere antifascisti.

David Habib e Valerio Colantoni sono rimasti feriti durante la colluttazione e, già nella giornata di ieri, sono stati sentiti dalla Questura per il riconoscimento dei loro aggressori. Ad aiutarli sono stati due elementi: chi li aveva picchiati aveva il volto scoperto, e quindi risultava riconoscibile. Il secondo elemento, invece, sono i video delle telecamere di sorveglianza.

I carabinieri e la polizia hanno bussato alla porta delle abitazioni dei presunti aggressori. Sono tutti residenti nella zona di Casalotti, alla periferia ovest della Capitale. Li hanno quindi sottoposti a perquisizione, d’intesa con il pm, Eugenio Albamonte. 

Chi sono gli accusati del pestaggio

C’è Matteo Mecucci (classe 1998), già noto alle forze dell’ordine per vecchie storie di pestaggi e sottoposto ad interrogatorio dopo i fatti di domenica. Insieme a lui altri coetanei di destra, suoi amici e frequentatori di piazza Cavour, da tempo luogo di ritrovo degli estremisti di Roma Nord. Secondo gli investigatori, Mecucci avrebbe fatto parte del branco dei dieci, a Trastevere, ma non avrebbe partecipato al pestaggio.

Tra gli accusati di aggressione perquisiti c’è Marco Ciurleo: è il coordinatore del Blocco studentesco, il movimento giovanile di CasaPound e partecipa alle manifestazioni di partito – comprese quelle non autorizzate. Per carabinieri e Digos neanche lui è un volto nuovo.

Infine Stefano Borgese, classe 1981, vicino agli ambienti della destra estrema capitolina. Non si esclude che nelle prossime ore possano spuntare altri nomi e cognomi nella lista degli indagati.

Il video della bottigliata

Open ha mostrato in esclusiva alcuni momenti del pestaggio. Nel video si vede un ragazzo con una camicia bianca colpire con una bottigliata in pieno volto uno dei ragazzi aggrediti sabato notte.

Le immagini della perquisizione della Digos

Leggi anche: