Maltempo a Taranto, sospese le ricerche dell’operaio dell’ex Ilva: caduto in mare dopo il crollo di una gru

Un incidente che riporta alla memoria un episodio del 2012 e del 2016, quando morì il gruista Francesco Zaccaria

Poco dopo le 23 del 10 luglio sono state temporaneamente sospese le ricerche dell’operaio disperso dopo il crollo di una gru dell’ex Ilva. Le condizioni meteorologiche, l’oscurità e la difficoltà operativa hanno consigliato questa soluzione ai responsabili della capitaneria di porto che coordinano le ricerche.

Il maltempo continua a flagellare la costa adriatica dell’Italia. A Taranto, negli stabilimenti dell’ex Ilva (ora ArcelorMittal), a seguito dell’impatto di una tromba d’aria sulla struttura, è precipitata in mare la cabina di comando di una gru, con all’interno un operaio risulta disperso.

Di tragedia parla la segretaria generale Fiom-Cgil, Francesca Re David: «È sconcertante che la tragedia di oggi avvenga con le stesse modalità e con la stessa gru dell’incidente mortale avvenuto nel 2012». In attesa degli accertamenti degli inquirenti, la sindacalista denuncia poi quella che ha tutti i tratti di un dramma annunciato: «Non ci spieghiamo come si possa lavorare con l’allerta meteo a 40 metri di altezza. La Fiom sta decidendo in queste ore, insieme alle altre organizzazioni sindacali, le iniziative da intraprendere».

Foto: @BentivogliMarco / Twitter

Leggi anche: