Wimbledon, Federer eterno re alla dodicesima finale: Nadal si arrende, lo aspetta Djokovic

Con il punteggio di 7-6 1-6 6-3 6-4 lo svizzero conquista la sua 12esima finale del torneo inglese

È stato forse quel sublime punto di rovescio millimetrico al quarto set, a far capire a Nadal che contro questo Federer non ci sarebbe stato nulla da fare. Il tennista svizzero, 11 anni dopo l’ultima sfida con lo spagnolo sull’erba verde di Wimbledon, trionfa sul campo centrale e raggiunge la sua 12esima finale del torneo inglese.

Con il punteggio di 7-6 1-6 6-3 6-4, Roger Federer vince la sfida n.40 contro l’eterno rivale Rafael Nadal e, a quasi 38 anni d’età, punta al suo nono titolo di Wimbledon. Ad aspettarlo in finale, ci sarà lui, il numero uno al mondo, Novak Djokovic.

Parte bene Federer che si porta a casa il primo set dopo aver dominato il tie-break 7-3. Ma Nadal torna in campo più determinato che mai lasciando un Feder quasi irriconoscibile solo un game. Per lo svizzero il secondo set si rivela solo un passaggio a vuoto. Lo svizzero si riprende, ricarica le batteria e mette in fila due set, 6-3, 6-4, con un gioco sublime. Nadal salva 4 match point, ed è standing ovation per i due gladiatori che nell’arena del centrale dove Nadal si inchina davanti all’eterno Roger Federer.

Domenica, alle ore 15, a Wimbledon andrà in scena la finale, forse quella più attesa tra il numero uno e il numero due al mondo, ancora loro: Novak Djokovic e Roger Federer. Lo svizzero non batte il serbo da 4 anni. Tre gli scontri sull’erba di Wimbledon, tra cui le due finali del 2014 e del 2015 vinte da Djokovic e la semifinale del 2012 vinta dal maestro.

Leggi anche: