Ali Agca: «Emanuela Orlandi è viva e sta bene»

È quanto sostiene l’ex terrorista turco in una lettera alla stampa internazionale: «Il Vaticano non c’entra, è la Cia che dovrebbe rivelare documenti segreti in proposito »

«Emanuela Orlandi è viva e sta bene da 36 anni». Ali Agca torna a sostenere la sua tesi su Orlandi, in una lettera alla stampa internazionale. L’ex terrorista turco ne è convinto: «Non fu mai sequestrata nel senso classico del termine, ma fu vittima di un intrigo internazionale per motivi religiosi-politici collegati anche con il Terzo Segreto di Fatima».

Secondo Ali Agca – condannato per l’assassinio del giornalista Abdi İpekçi e per il tentato omicidio di papa Giovanni Paolo II – non bisogna chiedere conto delle vicende di Orlandi al Vaticano, ma «alla Cia», perchè «il governo vaticano non è responsabile dell’organizzazione di questo intrigo internazionale, mentre la Cia dovrebbe rivelare documenti segreti in proposito».

Non è la prima volta che l’ex terrorista parla del caso Orlandi. Nel febbraio 2010 si era impegnato per trovare una soluzione alla vicenda, senza però ottenere alcun fatto concreto. Invece nella trasmissione Chi l’ha Visto aveva detto alla conduttrice Federica Sciarelli che Orlandi era stata rapita per ottenere la sua liberazione.

Leggi anche: