Il M5s deposita una mozione contro il «sì» di Conte al Tav. Di Maio: «Non ci arrendiamo»

«Chi vuole fare un regalo a Macron, allora dica sì alla Tav», si legge nel post pubblicato sul Blog delle Stelle

Non si arrendono, i parlamentari del Movimento 5 Stelle, e depositano in Senato una mozione «che impegna il Parlamento a bloccare la realizzazione del Tav Torino-Lione». Così si annuncia sul Blog delle Stelle.

«Rispettiamo così l’impegno preso subito dopo il recente annuncio del presidente Conte sul fatto che nei colloqui con Francia e Ue non sia riuscito a fermare l’opera», recita il post, ricordando che il premier ha affermato che il Parlamento rimane l’unico organo in grado di adottare una decisione unilaterale per fermare il Tav.

«Bene, chi vuole mettere la faccia e la firma su un’infrastruttura del tutto inutile, fuori dalla storia e negativa sul piano finanziario e ambientale, deve farlo dentro il Parlamento, l’organo sovrano eletto dai cittadini. Chi vuole fare un regalo a Macron, allora dica sì alla Tav», si legge nel post.

Il documento in cui il M5S esprime la sua posizione ufficiale, cioè contro la prosecuzione delle attività di realizzazione dell’opera, sottolinea come sia necessario avviare in sede parlamentare un percorso per stabilire «un diverso uso delle risorse, da destinare ad opere pubbliche alternative, maggiormente utili ed urgenti, sul territorio italiano».

«Davanti alla decisione per il Tav si può dire no, sì, oppure lavarsene le mani. Ogni scelta comporta valutazioni conseguenti da parte di tutto il Paese. Oggi e domani», conclude il post, firmato dal capogruppo Stefano Patuanelli, il senatore Airola e le senatrici Pirro e Matrisciano.

Anche Di Maio ha simbolicamente apportato la sua firma alla posizione dei parlamentari, condividendola e scrivendo su Facebook: «Noi non ci arrendiamo! Noi pensiamo al paese, non facciamo regali a Macron».

Leggi anche: