L’autopsia: Cerciello ucciso da 11 coltellate. Brugiatelli “aiutante”, individuato il vero pusher

È stato fermato lo spacciatore che ha venduto aspirina al posto della droga ai due californiani. Si tratterebbe di un italiano. Insieme all’uomo derubato, che ha chiamato il 112, sarà indagato per reati di droga. Secondo l’esame autoptico, il vicebrigadiere è deceduto a causa della forte emorragia

Undici le coltellate che il giovane americano Elder Lee avrebbe inferto al vice brigadiere Mario Cerciello Rega causandogli la morte. Il dato è emerso dall’autopsia che si è svolta ieri all’istituto di medicina legale della Sapienza.

In un primo momento i colpi che hanno raggiunto il carabiniere sembravano essere otto ma l’esame autoptico ha individuato altri tre fendenti. Secondo l’autopsia, il carabiniere è deceduto a causa della forte emorragia.

Individuato il pusher

Individuato dai carabinieri il pusher che ha venduto l’aspirina al posto della droga ai due californiani. Si tratterebbe di un italiano. Sono in corso anche accertamenti sulla posizione di Sergio Brugiatelli, l’uomo derubato che quella sera diede l’allarme al 112. Saranno indagati entrambi per reati di droga.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo accompagnò personalmente i ragazzi dal pusher.

L’ultimo saluto al carabiniere ucciso

carabiniere ucciso
La moglie del vicebrigadiere ucciso

Intanto, una folla composta si è radunata in piazza del Monte di Pietà per dare l’ultimo saluto al vicebrigadiere. In tanti portano fiori, altri si fanno il segno della croce, altri ancora si chiedono come sia stato possibile morire così. Alle 15.30 è arrivata la moglie, con la quale Mario Cerciello si era sposato appena 40 giorni prima dell’omicidio. Accanto a lei, anche la madre, la sorella e il fratello del vicebrigadiere.

Funerali in diretta su Rai 1

Domani tutte le trasmissioni Rai osserveranno un minuto di silenzio alle 11.30 mentre dalle 11.55 su Rai 1 verrà trasmessa in diretta la cerimonia funebre a cura del Tg1.

Leggi anche: