Scuola, il ministro Bussetti apre la «stagione dei concorsi»: previste 60mila assunzioni (anche dei precari)

Le posizioni aperte sono sia per la scuola primaria che per quella secondaria. Spazio a neolaureati e ai precari della scuola

60mila assunzioni e tre concorsi pubblici. Dalle pagine del Messaggero, il ministro dell’istruzione Marco Bussetti annuncia il contenuto di un decreto che verrà presentato questa settimana al Consiglio dei Ministri.

Lo scopo è quello di regolarizzare i precari, assumere neo laureati e coprire le cattedre scoperte. Tutto entro la fine del 2019. «Stiamo aprendo una nuova stagione di concorsi. Ora dobbiamo assicurarci che si svolgano con cadenza regolare. Altrimenti avremo sempre cattedre scoperte, soprattutto in alcune aree del Paese».

Quali concorsi verranno aperti e in quali aree

Il primo concorso serve per regolarizzare chi sta già lavorando nella scuola pubblica: «Saranno effettuate circa 24 mila assunzioni, tra i docenti che abbiano almeno tre anni di servizio negli ultimi otto, nella cosiddetta terza fascia».

Circa 24mila assunzioni saranno invece dedicate a chi ha appena ottenuto un titolo di laurea. E ancora, altre 17mila verranno aperte per la scuola primaria e secondaria. I dettagli, e il bando, per questo ultimo concorso dovrebbero essere svelati a breve, prima della pausa estiva.

Il ministro parla anche di chi ha già vinto un concorso per la scuola pubblica ma aspetta ancora una cattedra: «Saranno assunti quanto prima, continueremo a scorrere le graduatorie. Quanto ai precari cosiddetti storici, il decreto prevede due misure: l’avvio di percorsi abilitanti speciali ed il bando di un concorso riservato».

Foto di copertina: Ansa | Il ministro Marco Bussetti

Leggi anche