Assegnati a Taranto i Giochi del Mediterraneo del 2026. Malagò: «Che orgoglio, Italia protagonista assoluta»

Il presidente del Coni Malagò: «Sarà un anno speciale per lo sport italiano»

Dopo le olimpiadi di Milano-Cortina, arriva un altro successo per l’Italia dello sport: la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo si svolgerà a Taranto.

L’assegnazione è avvenuta oggi a Patrasso, in Grecia, nel corso dell’assemblea annuale del Comitato internazionale dei Giochi del Mediterraneo (Cijm) che ha stabilito anche di posticipare l’edizione pugliese al 2026.

L’Italia ha già ospitato tre volte la manifestazione sportiva multidisciplinare dedicata ai 26 Paesi dell’area mediterranea, l’ultima nel 2009 a Pescara. I Giochi del Mediterraneo torneranno in Puglia 29 anni dopo l’edizione 1997 a Bari.

In rappresentanza del Coni erano presenti in Grecia la vice presidente Alessandra Sensini, il membro onorario del Cio Mario Pescante, il membro del Consiglio nazionale del Coni e coordinatore del dossier della candidatura, Elio Sannicandro, i presidenti federali Michele Barbone (Danza Sportiva) e Angelo Cito (Taekwondo). La delegazione italiana era formata, inoltre, dal governatore della Puglia, Michele Emiliano, e dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.

«Il 2026 sarà un anno speciale per lo sport italiano. Oltre alle Olimpiadi di Milano-Cortina, infatti, ospiterà i Giochi del Mediterraneo a Taranto. Si tratta di un nuovo e importante riconoscimento per il Paese e in particolare per il mondo sportivo che fa riferimento al Coni e che è apprezzato all’estero per le capacità mostrate nell’organizzare grandi eventi», ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

«Lavorando insieme e facendo squadra – ha concluso Malagò – abbiamo dimostrato ancora una volta di saperci giocare le nostre carte. Con soddisfazione e orgoglio posso affermare che l’Italia vivrà un 2026 da assoluta protagonista sul palcoscenico dello sport mondiale».

Leggi anche: