Esclusiva – La lettera del Cio che avverte l’Italia: «Con quella legge, Olimpiadi senza bandiera»

Secondo il Comitato Olimpico Internazionale, la legge sullo sport varata dal Governo compromette l’autonomia del Coni

La notizia è che da ieri la presenza dell’Italia alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 (e, paradossalmente, anche quella alle Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina del 2026) è a rischio: le squadre potrebbero essere escluse, gli atleti costretti a presentarsi come indipendenti. Sarebbe un’Olimpiade senza inno, né bandiere.

Il motivo? La legge delega sullo sport, fortemente voluta dal sottosegretario leghista allo Sport Giancarlo Giorgetti e approvata dal Senato ieri, 6 agosto. Poche ore prima del voto, il presidente del Coni Malagò aveva ricevuto una lettera dal Comitato Olimpico Internazionale, che Open è in grado di mostrare in esclusiva.

Tre pagine in cui il Cio elenca una lunga serie di preoccupazioni e di motivi per i quali il nostro Paese rischia la sospensione o il ritiro del riconoscimento del Comitato. Nonostante le riserve, il Governo Conte ha tirato dritto.

Cosa prevede la legge, in breve

Con la riforma, il ministero dell’Economia prenderebbe in carico alcune funzioni svolte oggi dal Coni, privandolo – secondo i detrattori – della sua autonomia: Coni Servizi, il braccio operativo del Coni, sarebbe sostituito da un nuovo ente controllato dal Mef, che avrebbe la facoltà di nominarne i vertici. Le nuove norme comporterebbero anche una riduzione dei finanziamenti alle federazioni sportive nazionali.

Per il sottosegretario Giorgetti, questo nuovo assetto è un “modello d’eccellenza in vigore in molti Paesi europei e nel mondo”, mentre il presidente del Coni Malagò ha usato parole durissime: “Lo stesso fascismo, pur non essendo estremamente elastico nell’acconsentire a tutti di esprimere le proprie opinioni, aveva rispettato quella che era stata la storia del Coni dall’epoca della sua fondazione”.

Le preoccupazioni (e le minacce) del Cio

Nella sua lettera, il Cio ricorda a Malagò che per far parte del Cio bisogna sposarne le regole. Il Cio non ha scritto al Governo, ma al Coni, proprio in virtù di quell’autonomia dello sport rivendicata dal presidente Malagò e storicamente accettata, da almeno 70 anni.

  • Le organizzazioni sportive (come il Coni, ndr) hanno il diritto e il dovere di essere autonome e devono essere libere di stabilire e controllare le regole dello sport, decidere la struttura e la governance delle loro oragnizzazioni […] privandole di qualunque influenza esterna […];
  • I comitati olimpici nazionali possono cooperare con le istituzioni e instaurare con loro relazioni armoniose che, però, non devono tradursi in azioni che contrastano con la Carta Olimpica;
  • I comitati olimpici nazionali devono preservare loro autonomia e resistere a tutte le pressioni di qualsiasi tipo: politiche, legali, religiose ed economiche.

Dopo questo riepilogo, arriva l’avvertimento: oltre alle sanzioni previste in caso di violazione della Carta Olimpica, il comitato esecutivo del Cio può decidere di sospendere o revocare il riconoscimento del Coni, eslcudendoli dai Comitati olimpici nazionali.

Secondo il Cio, il Coni non dovrebbe essere riorganizzato da un’azione unilaterale del Governo: tutte le entità che ne fanno parte (come il Coni servizi) devono rispettare lo statuto del Coni, la Carta olimpica e gli statuti delle organizzazioni sportive internazionali a cui sono affiliati. Il Governo dovrebbe preservare l’autonomia finanziaria del Coni e dei suoi apparati: il fatto che li finanzi non significa che debba anche controllarli.

Il parere di Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale

Secondo il giudice emerito della Consulta, Sabino Cassese, l’incostituzionalità della norma è palese e il disegno di legge ha un impianto sbagliato. “Il difetto principale del disegno di legge delega è quello di considerare lo sport come altre attività statali, come la sanità e la previdenza”, ha detto al Corriere dello Sport. “Lo sport – continua – è un’attività sociale e il relativo ordinamento deve essere autonomo”

La risposta del Governo

Secondo il sottosegretario allo Sport Giancarlo Giorgetti, i dubbi del Cio saranno chiariti con “i decreti attuativi e legislativi (previsti dalle leggi delega, ndr). Lì saranno chiariti anche i dubbi che nascono da un fraintendimento, come dimostra la lettera del Cio”.

Leggi anche: