Lione, più di 100 monopattini recuperati nel Rodano in tre ore. Gli ambientalisti: «Ecocidio»

Nel mirino i gestori del servizio di noleggio, che si difendono: «Nessun liquido nelle batterie»

L’associazione francese Odysseus 3.1 ha lanciato un’operazione di pulizia di uno dei due fiumi che attraversano la città di Lione, il Rodano: in poco più di tre ore dai fondali sono stati recuperati a braccia oltre cento monopattini elettrici.

109 “trottinette”, come le vengono chiamate in Francia, sono state sottratte al fiume grazie all’attività di subacquei e apneisti. Il quotidiano locale Le Progrès l’ha definita una pesca tanto «miracolosa», sottolineando anche le responsabilità dei gestori del servizio di noleggio degli scooter che sfrecciano oggi anche nelle nostre grandi città.

Vincent Maran, biologo dell’associazione che ha lanciato l’iniziativa ed esperto della federazione francese di immersioni, ha definito il numero di rifiuti presenti nel Rodano «scandaloso», così come la concentrazione degli stessi nell’intera area urbana.

Non sono stati portati in secca soltanto monopattini elettrici fuoriuso: recuperate anche sei biciclette, diverse macchine da scrivere, un carrello e perfino una pistola con fondina (non è dato sapere se si tratti di un’arma vera o di un giocattolo).

La presenza di monopattini elettrici sul fondo del fiume è stata definita un «ecocidio» per via della presenza delle batterie al litio. La stessa situazione è stata segnalata a Lione come a Marsiglia o a Parigi. Oltre al litio nelle batterie si possono trovare polimeri e altre sostanze che potrebbero rilasciare elementi tossici nell’ambiente.

In seguito alla vicenda, e alle preoccupazioni dell’impatto ambientale dei nuovi mezzi di trasporto, il direttore generale di VOI France, uno degli operatori di trottinette in città, ha dichiarato ai media: «Non c’è liquido nelle batterie. (…..) Una volta recuperato lo scooter, non c’è inquinamento in acqua». Odysseus 3.1 però chiede che siano introdotti obblighi per chi noleggia i monopattini elettrici come quello di una restituzione certificata o il deposito cauzionale.

Foto in copertina: Twitter – @AssoOdysseus31

Leggi anche: