Milano, da oggi stop al diesel euro 4. Ventiquattro le città da bollino rosso

Continua il progetto anti-smog del capoluogo Lombardo: l’obiettivo è zero diesel entro il 2030

Scatta da oggi a Milano il divieto di circolazione per i mezzi più inquinanti nell’area B della città. Al fine di ridurre le emissioni di Pm10, da oggi in Area B sarà vietato l’ingresso ai veicoli diesel Euro 4.

È il secondo step del provvedimento anti smog (che sarà applicato dal lunedì al venerdì, dalle 7:30 alle 19:30, esclusi i festivi) avviato lo scorso 25 febbraio e che fino a oggi ha interessato i veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1,2, 3 e le moto a due tempi Euro 0 e 1.

La decisione è parte di un progetto più ampio, che vedrà il ban definitivo dei veicoli diesel a Milano per il 2030. Il blocco degli Euro 4 interessa circa 26.300 veicoli senza Fap (il filtro antiparticolato che consente di ridurre le emissioni inquinanti) immatricolati nel territorio del Comune di Milano, e circa 74.300 veicoli immatricolati nell’area della Città metropolitana.

Lo stop sarà graduale: nei primi dodici mesi di attuazione di ogni step del provvedimento, tutti avranno cinquanta giorni di libera circolazione anche non consecutivi. Al primo accesso l’automobilista riceve via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento, invitandolo a mettersi in regola, ma anche a iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili.

Dal secondo anno, i residenti a Milano e le imprese della città hanno 25 giorni all’anno di libera circolazione anche non consecutivi. La sanzione scatterà solo all’esaurimento dei giorni di libera circolazione.

La classifica di Legambiente

Legambiente ha pubblicato a gennaio di quest’anno un rapporto sui livelli di Pm10 nelle diverse città italiane. Milano è attualmente al sesto posto tra le città che hanno superato almeno uno dei limiti giornalieri previsti, con un totale di 135 giorni.

Al primo posto c’è Brescia, con 150 giorni, seguita da altre città come Lodi, Monza, Venezia, Alessandria, Torino e Padova. Roma e Napoli contano 72 giornate negative dal punto di vista delle emissioni, Bologna 39.

Leggi anche