Conte, la promessa poco prima del discorso all’Onu: «Inserire nella Costituzione la tutela dell’ambiente»

Il premier è atteso oggi pomeriggio per il suo intervento davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite

Il Presidente del Consiglio è arrivato a New York dove a breve inizierà il suo intervento alla 74esima Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Nella giornata aperta dal presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, e Donald Trump, entrambi schivi nei confronti del cambiamento climatico, il premier italiano, a margine dell’incontro, ha voluto ribadire l’impegno dell’Italia: «Dobbiamo inserire nella nostra Costituzione la tutela dell’ambiente, della biodiversità, dello sviluppo sostenibile. Questo è un cambio radicale» per il clima.

Un giorno dopo l’accordo sui migranti raggiunto a Malta dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, Conte ha detto che ci saranno novità anche sul tema dei rimpatri: «L’Italia sta preparando una svolta anche su questo fronte».

Poi la frecciata a Salvini sullo scandalo dei presunti fondi russi alla Lega, su cui il premier ha chiesto un urgente chiarimento: «Ho avvertito l’esigenza, la necessità, vorrei dire l’urgenza, una volta sollecitato una forza che allora era di opposizione, di andare in Parlamento a chiarire tutte le informazioni che erano in mio possesso. Se altri l’hanno pensata diversamente, mi è dispiaciuto, l’ho detto anche solennemente al Parlamento, che secondo me non è quello l’atteggiamento che bisogna tenere. Quindi ci sarebbero tutte le premesse per procedere a un chiarimento che ritengo anche io urgente e necessario».

Leggi anche: