Il cambio di rotta del Conte giallorosso: «Migranti? Provocare era inutile, correggeremo il decreto Sicurezza»

«Una svolta completa. Il meccanismo abbraccia tutti i richiedenti asilo, e non solo chi ne ha diritto: tutti»

Giuseppe Conte, a New York per l’assemblea generale dell’Onu, saluta con favore l’accordo raggiunto a Malta in materia di immigrazione. «Non è ancora la soluzione definitiva ma sicuramente è una svolta, un significativo passo avanti», ha detto all’Ansa, prima di entrare al 49esimo piano del palazzo della rappresentanza italiana alle Nazioni unite.

«Sono stati affermati sicuramente dei principi che sono positivi per noi, perché sino ad oggi si stentava a tradurre il principio che chi arriva in Italia arrivava in Europa – ha spiegato, in via generale, ai cronisti -. In più si comincia ad affermare il principio che non può essere solo l’Italia il primo approdo, ma che ci deve essere una rotazione».

«Correggeremo il decreto sicurezza»

Il presidente del Consiglio aspetta di «vedere quanti Paesi parteciperanno a questo meccanismo e dovremo lavorare sui rimpatri – ma non ha cambiato completamente visione sulle ong che operano nel Mediterraneo -. Non saranno ammissibili comportamenti anomali. E useremo il decreto sicurezza bis, dopo averlo corretto», ha detto a la Repubblica.

«I porti sicuri, non per forza i più vicini»

Per Conte si tratta di un accordo storico, «una svolta completa. Il meccanismo abbraccia tutti i richiedenti asilo, e non solo chi ne ha diritto: tutti. Non è la soluzione finale a un fenomeno complesso, certo. Ma è un passo in avanti storico. E poi, si mette nero su bianco che possono essere individuati porti alternativi: i più sicuri, non necessariamente i più vicini».

Quali porti?

«Dalla Germania, dalla Francia e da altri Stati abbiamo avuto aperture che in passato erano impensabili. Questo dal punto di vista politico ci insegna una cosa – e il presidente del Consiglio pare rivolgersi a Matteo Salvini -, un atteggiamento inutilmente litigioso, provocatorio, sterilmente fine a se stesso non porta da nessuna parte. Uno costruttivo, invece, porta risultati».

Leggi anche: