È morto l’imprenditore Giorgio Squinzi, ex presidente di Confindustria e patron del Sassuolo

Il proprietario della Mapei e della squadra di calcio emiliana è scomparso all’età di 76 anni

È morto questa sera a Milano Giorgio Squinzi, l’ex Presidente di Confindustria, amministratore unico di Mapei, azienda fondata dal padre Rodolfo nel 1937. Squinzi, 76 anni, era malato da tempo. 

Nato nel 1943 a Cisano Bergamasco, in provincia di Bergamo, imprenditore di seconda generazione, era amministratore unico della Mapei. È stato presidente di Confindustria dal 2012 al 2016. Era proprietario della squadra di calcio del Sassuolo.

Vita e carriera

Fin da giovanissimo lavora nell’azienda di famiglia, società attiva dal 1937 nella produzione di collanti per pavimentazioni leggere. Nel 1969 si laurea in chimica industriale all’Università di Milano.

Dopo la morte del padre nel 1984, Giorgio diventa amministratore unico della Mapei. Nel 1997, di pari passo con la crescita dell’azienda in campo internazionale, viene nominato presidente di Federchimica, carica che mantiene fino al 2003.

Come ammesso dallo stesso Squinzi, appassionato di ciclismo, il suo motto era “non smettere mai di pedalare”. Tra il 2003 e il 2004 intraprende un’altra avventura che porta la Mapei ad investire nel mondo del calcio, altra passione dell’imprenditore, grande tifoso del Milan.

Prende le redini del Sassuolo, allora militante in serie c2 e nel giro di 5 anni porta la squadra in serie B. Nel 2013 la squadra emiliana ottiene la storica promozione in serie A.

Un anno prima, nel 2012, Squinzi diventa il nuovo presidente di Confindustria, carica che ricoprirà fino al 2016 con la nomina di Vincenzo Boccia.

Leggi anche: