Quel Salvini che continua a dividere l’Italia, e a compattare le due metà

di OPEN

Salvini è ancora un vincente? Secondo il sondaggio Ipsos gli italiani si dividono

Quotidianamente sui social e non solo si leggono richieste e accuse rivolte a chi fa informazione: «Perché parlate sempre di Matteo Salvini? Basta non parlarne e il fenomeno si sgonfierà da solo».

Argomenti figli di quello iniziale: «Sono state le tv e i giornali a creare Salvini, invitandolo e intervistandolo sempre quando era solo un piccolo leader di opposizione». Concezione davvero singolare del giornalismo e della democrazia, ma molto diffusa, a sinistra come a destra.

Ma il dato di fatto è che Salvini continua a essere al centro di timori e speranze contrapposti: suo malgrado è stato il protagonista del clamoroso cambio di governo, ed è ora il capo indiscusso dell’opposizione.

Oltre che la figura nettamente più divisiva. Lo conferma il sondaggio presentato ieri sera da Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos, a Dimartedì. La domanda era brutale: Secondo lei oggi Matteo Salvini è un leader che ha fallito o resta un leader vincente?

Il campione degli italiani si è spaccato in due come una mela: per il 45% Salvini ha fallito, per il 44% resta un leader vincente. In mezzo un esile 11% che si chiama fuori.

È la conferma della centralità divisiva di Salvini: dopotutto il governo si è fatto per evitare che vincesse le elezioni, ma è anche vero che se lui non avesse provocato la crisi sarebbe ancora al Viminale ad avvistare navi di Ong e a ammaliare quella metà degli italiani (più o meno) che continuano a stare comunque dalla sua parte.

Perché in questo il sondaggio ci dice qualcosa di molto chiaro: che il 90% degli italiani sta con o contro di lui. Era successo con Berlusconi, si era ripetuto con Renzi. Vedremo cosa e quando romperà l’equilibrio.

Leggi anche: