Dazi Usa, Bellanova lancia la sfida del gusto a Trump: «Ha mai assaggiato il vero parmigiano con l’uva?»

In nome della salvaguardia del Made in Italy, la ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali ha lanciato la sfida al presidente Usa

«Ha mai assaggiato il vero parmigiano con l’uva? È sano e squisito». Così la ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova si è rivolta al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, proprio mentre la spada di Damocle dei dazi Usa stava per piombare sulla produzione europea e sui prodotti Made in Italy. 

Il tweet della ministra Teresa Bellanova al presidente statunitense Donald Trump / Twitter

A seguito del verdetto dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto), gli Stati Uniti hanno ottenuto il diritto di tassare l’import dei prodotti europei per ripagare i sussidi offerti al consorzio aeronautico Airbus. E mentre Luigi di Maio a Villa Madama incontrava il segretario di Stato americano Mike Pompeo, l’Ufficio di Rappresentanza al Commercio degli Stati Uniti stilava la lista dei prodotti che verranno colpiti dai dazi dal prossimo 18 ottobre. 

Nella lista, tra gli altri, sono presenti alcune delle eccellenze dell’enogastronomia italiana, come il pecorino, il parmigiano, e il prosciutto, la cui tassazione passerà al 25%, con un effetto dello 0,05% sul Pil italiano. Ed è così che la ministra Teresa Bellanova ha tentato di dissuadere gli Stati Uniti dal colpire i prodotti italiani, con ironia e garbo.

Bellanova: «Chiederò all’Ue di intervenire per tutelare i produttori e la qualità del cibo»

In un post su Facebook, Bellanova ha poi spiegato come il parmigiano sia «una delle grandi eccellenze del Made in Italy, un formaggio meraviglioso, conosciuto e amato in tutto il mondo», ma «anche uno dei tanti prodotti dell’agroalimentare italiano che rischia di essere gravemente danneggiato dai dazi che Donald Trump vuole imporre all’Europa». 

«Non possiamo permettere che questo accada. Per questo – prosegue Bellanova – ho scritto qualche giorno fa al presidente del Consiglio per rafforzare la promozione del Made in Italy negli Stati Uniti». E la ministra assicura che si rivolgerà anche all’Unione Europea: «Chiederò di intervenire per tutelare il reddito dei nostri produttori e quindi la qualità del nostro cibo». 

«Forse mr. Trump non ha mai assaggiato il parmigiano Made in Italy con l’uva: sano e buonissimo», ha chiosato infine la ministra. Insomma, una rivisitazione istituzionale del noto detto popolare «Al contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con le pere».

Leggi anche: