Ecco perché l’account Twitter del M5S potrebbe aver perso e recuperato i followers in pochissimo tempo

Dietro il mistero dell’account Twitter e dei followers scomparsi potrebbe esserci l’errore umano

Il 3 ottobre 2019 il giornalista de La Stampa Jacopo Iacoboni riporta in un tweet un’anomalia nell’account Twitter del Movimento 5 Stelle. Inizialmente scomparso, era ritornato attivo con appena 8 followers per poi subire un «sali e scendi» fino a stabilizzarsi agli attuali 677 mila, pochi in più dei 676.912 pre-caduta secondo le dichiarazioni dello stesso giornalista.

Il tweet dove Iacoboni riportava lo screenshot dell’account temporaneamente scomparso.

Può un account Twitter sparire così, di punto in bianco, senza lasciare tracce e tornare di colpo con pochissimi follower risalendo la china in pochissimo tempo? La domanda sorge spontanea e il mistero non viene spiegato nemmeno dallo stesso Movimento 5 Stelle.

Il tweet del recupero dell’account da 8 followers a 497 mila.

Il fatto strano che ha suscitato scalpore era proprio quel «sali e scendi» che senza alcuna spiegazione poteva far nascere molti dubbi.

Un altro tweet di Iacoboni dove riporta lo screenshot con il numero dei follower più alto e prima della caduta.

Qualcuno, infatti, ha pubblicato dei tweet domandando se ci fosse un problema legato a dei presunti bot: «Avranno dimenticato di pagare l’abbonamento ai bot?» domanda @perchetantodio a Iacoboni.

La risposta al quesito potrebbe essere data da Twitter attraverso il suo Help Center, ma sarebbe la conferma di un errore umano da parte dei gestori dell’account. Nella sezione «Aiuto per la riattivazione dell’account» troviamo un paragrafo intitolato «Hai riattivato l’account ma il conteggio dei following/follower o dei Tweet è sbagliato» che potrebbe far luce su tutta questa vicenda:

In alcuni casi, i conteggi dei following/follower o dei Tweet non mostrano le cifre precedenti immediatamente dopo la riattivazione. Non preoccuparti, tornerà tutto alla normalità entro 24 ore dalla riattivazione. Se sono passate più di 48 ore e i conteggi non sono stati ripristinati, contatta l’assistenza per ricevere aiuto.

In pratica, osservando il primo screenshot pubblicato da Iacoboni, qualcuno potrebbe aver disattivato l’account del Movimento 5 Stelle per poi riattivarlo ottenendo il problema del recupero dei followers. Le tempistiche, inoltre, combaciano perché come previsto da Twitter ci vogliono al massimo 24 ore per ripristinare il tutto: Iacoboni fa presente il ritorno alla quasi normalità in un tweet del 4 ottobre 2019 alle ore 16:03, pochi minuti prima dello scoccare delle 24 ore dal suo primo tweet dove annunciava la scomparsa dell’account ufficiale del partito.

24 ore dopo torna tutto normale, come evidenzia Iacoboni.

Attualmente i followers sono 677.204.

L’account allo stato attuale in data 6 ottobre 2019.

Trump e l’account @POTUS

Ricordiamo quanto era accaduto nel 2017 quando l’account del Presidente degli Stati Uniti, @POTUS, si era ritrovato con pochissimi followers e nessun tweet pubblicato. All’epoca si trattava di una migrazione di followers, ma è probabile che già in quel periodo l’acount @POTUS fosse stato disattivato e poi riattivato dopo aver caricato i nuovi dati relativi al Presidente Trump. I followers, infatti, risultarono gli stessi di quanto Obama era presidente, fatto che aveva creato un po’ di scompiglio.

Il nuovo @POTUS – 20 Jan 2017 17:06:27 UTC

In pratica l’account in precedenza gestito dallo staff del Presidente Obama era stato archiviato nell’account @POTUS44, mentre quello ufficiale @POTUS era stato assegnato al neo Presidente Trump con conseguente passaggio dei followers che, a vedere dagli screenshot fatti durante la transizione, non erano completi e il numero oscillava.

I followers erano cresiuti velocissimamente – 20 Jan 2017 18:56:56 UTC

The Atlantic, che inizialmente aveva segnalato una perdita di follower, aveva poi riportato una correzione tramite un tweet:

@TheAtlantic Correction: Twitter was in the process of migrating the account. @POTUS will retain its followers. We regret the error.

Leggi anche: