Trump accoglie Mattarella con la prima gaffe: «I curdi? Non sono certo degli angeli»

Il commento del presidente americano, come sempre netto sulla crisi siriana

«È un grande onore ricevere un uomo molto rispettato come lei, è un piacere averla qui alla Casa Bianca». Con queste parole Donald Trump ha accolto il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.

Si fosse fermata a questi convenevoli l’accoglienza del presidente americana sarebbe stata impeccabile. Purtroppo subito dopo sono cominciati i colloqui, scanditi dopo pochi minuti da un’osservazione dello stesso Trump destinata a essere molto commentata.

Parlando della crisi originata dall’invasione turca del nord della Siria il capo della Casa Bianca ha detto: «I curdi non sono certo degli angeli». Come noto i combattenti curdi, in prima linea nelle battaglie contro l’Isis, sono stati lasciati in balia dei loro nemici storici, proprio i turchi, dal ritiro del contingente americano in Siria. Ma anche su questo Trump è stato tranchant: «Molto più delle nostre truppe sono efficaci le sanzioni per mantenere la stabilità».

Leggi anche: