I pescatori siciliani che salvarono 50 migranti sulla copertina de “L’uomo Vogue”

Sono gli uomini dell’equipaggio Accursio, il peschereccio che lo scorso 26 luglio ha salvato dall’affondamento 50 migranti al largo delle coste siciliane

Pescatori e salvatori di uomini. È a loro che L’uomo Vogue ha deciso di dedicare la sua copertina nel numero in edicola dal 23 ottobre. Sono gli uomini dell’equipaggio Accursio, il peschereccio che lo scorso 26 luglio ha salvato dall’affondamento 50 migranti al largo delle coste siciliane.


La rivista ha deciso di ricordare il gesto umanitario dei pescatori, di omaggiare le storie di un gruppo di italiani che lontani dalle urla e dalle grida della politica hanno messo da parte il loro lavoro per il benessere dell’altro.

Visualizza questo post su Instagram

Men of Troubled Waters: A story on Sicilian fishermen by @roselena_ramistella is one of our October cover stories, an issue dedicated to work and workers worldwide. The fishermen who serve the depleted fleet of Mazara del Vallo in Sicily have plenty of troubles of their own; catches fluctuate wildly, competition with other fleets is fierce, and should they stray too close to the coast of Libya they can expect to be welcomed with gunfire. Whilst going about their undeniably tough business, however, they often encounter others facing an even harder predicament: migrants who are trying to make the perilous crossing from Africa to Europe. Again and again the fishermen of Mazara have come to the rescue, sometimes against the advice of their own Navy and government. These men are heroes, and this is their story. See the full story in our new issue on newsstands tomorrow and via link in bio. Editor in chief @efarneti Creative director @thomasperssonstudio Text @raffaelepanizza #LUOMOTheWorkIssue

Un post condiviso da L’Uomo Vogue (@luomovogue) in data:

«Tre giorni di lavoro perduti, vero, ma abbiamo salvato vite umane: cosa c’è di più importante?», ha detto il capitano Carlo Giarratano, come riportato da RivistaStudio.

A immortalare gli uomini dell’Accursio ci ha pensato una conterranea, la fotografa di Gela Roselena Ramistella, vincitrice nel 2018 del Sony world photography award.

«Il punto, a mio avviso, sta nel fatto che questi marinai non hanno fatto una scelta di vita radicale e di rottura: semplicemente si sono trovati un giorno nella condizione di prendere una decisione, e quel giorno hanno scelto di tirare su le reti, cambiare rotta e salvare vite umane, pagandone un prezzo di tasca propria – il mancato guadagno della giornata, a volte la propria sicurezza, o persino la libertà personale. È sempre quello cui rinunciamo che dà peso alle nostre scelte», ha spiegato il direttore de L’Uomo (e di Vogue Italia) Emanuele Farneti.

Leggi anche: