Liliana Segre riceve 200 insulti in rete al giorno. Il report dell’Osservatorio Antisemitismo

La donna sopravvissuta ai campi di concentramento di Auschwitz sembra essere uno dei migliori bersagli dei cosiddetti hater

L’Osservatorio Antisemitismo, nato per monitorare i fenomeni antisemiti con l’inserimento di articoli, notizie e ricerche tratti dalla stampa e da siti web, in Italia e nel mondo, ha creato un report ad hoc per tracciare una mappa di tutti gli episodi discriminatori – che si verificano per lo più sul web – ai danni della senatrice a vita Liliana Segre.

Con una media di circa 200 insulti al giorno, la donna sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz sembra essere uno dei bersagli preferiti dagli hater. Bastano due esempi, pubblicati dal quotidiano la Repubblica, per capire il tenore degli insulti: «La senatrice a vita Segre sta bene in un simpatico termovalorizzatore», scrive Sebastiano Sartori che lavora in un istituto alberghiero di Venezia.

C’è poi Marco Gervasoni, docente all’università del Molise, che – dopo l’intervento di Segre a sostegno del governo Conte – ha postato una serie di tweet di critica nei confronti della senatrice a vita, sotto ai quali si sono susseguiti dozzine di commenti offensivi.

Solo per fare qualche esempio: «Ebrea di professione, stronza, vecchia rincoglionita, sionista pensa ai palestinesi, senatrice senza meriti che lucra sull’Olocausto, vecchia ignorante e in malafede, personaggio squallido».

Sempre secondo il report stilato dall’Osservatorio, al netto di altri personaggi presi di mira con insulti antisemiti di questo genere – come il giornalista Gad Lerner, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg, il politico dem Emanuele Fiano – Segre rimane la donna con il record negativo per episodi di antisemitismo.

Leggi anche: