Elezioni in Umbria, affluenza in crescita. Alle 19 è del 52,80%

Sono oltre 700mila i cittadini chiamati a votare per eleggere il presidente della Giunta regionale e i 20 consiglieri che formeranno l’Assemblea legislativa regionale della undicesima legislatura

Affluenza in forte crescita in Umbria: alle 19 l’affluenza è del 52,80%, in crescita di quasi 13 punti rispetto alle Regionali del 2015 secondo i dati del ministero dell’Interno riferiti a tutti e 92 Comuni. Riguardo al dato delle province, in quella di Perugia l’affluenza è stata del 53.09% (contro il 40,63% del 2015) e in quella di Terni del 51,97% (contro il 37,9%).

Il dato registrato alle 12 vedeva una crescita significativa rispetto alle precedenti elezioni regionali: 19,55% alle 12, un aumento di quattro punti rispetto alle ultime regionali quando, alla stessa ora, il dato registrato era stato del 14,95%. A Perugia l’affluenza era stata del 19,68% (15,65% nel 2015) e a Terni del 19,9% (14,64% alle precedenti regionali).

Oggi in Umbria sono oltre 700mila i cittadini chiamati a votare per eleggere il presidente della Giunta regionale e i 20 consiglieri che formeranno l’Assemblea legislativa regionale della undicesima legislatura (2019-2024). Le urne resteranno aperte fino alle 23: subito dopo inizierà lo spoglio delle schede.

Le precedenti elezioni del 2015

Le precedenti elezioni regionali in Umbria si sono tenute il 31 maggio 2015. L’allora presidente uscente, Catiuscia Marini del Partito Democratico, appoggiata da una coalizione di centrosinistra, era stata riconfermata alla guida della regione con il 42,78% dei consensi. Claudio Ricci, ex sindaco di Assisi e candidato del centrodestra, si era fermato 39,27% dei consensi. Terzo il candidato del Movimento 5 Stelle Andrea Liberati: 14,30%.

Il dato definitivo dell’affluenza delle elezioni di 4 anni fa era stato del 55,42%. Alle regionali del 2010, il dato alla chiusura era stato del 65,38%: il calo del 9,96% ha segnato quindi per il 2015 il dato più basso di affluenza nella storia della regione dal 1970.

In copertina Ansa

Leggi anche: