Torino, seimila euro di multa per guida in monopattino senza patente: «Faccio il lavapiatti, aiutatemi»

«Ho tanta paura adesso, sto cercando un avvocato che mi aiuti: non ho tutti quei soldi, non so dove trovarli»

Lyke – un nome di fantasia – ha preso una multa perché guidava un monopattino elettrico senza patente e in contromano, a Torino. Per la legge, il ragazzo dovrà pagare 6.465 euro.

Lyke ha 24 anni, è nigeriano, e lavora come lavapiatti per riuscire a mantenersi. Nel frattempo, spinto dalla sua voglia di integrazione, segue dei corsi per imparare l’italiano.

«Ho tanta paura adesso, sto cercando un avvocato che mi aiuti: non ho tutti quei soldi, non so dove trovarli», racconta al Corriere della Sera. E poi spiega che la preoccupazione è anche collegata al fatto che possano emergere irregolarità rispetto al suo stato di immigrato.

Il giovane aveva scelto di muoversi per la città con il monopattino perché, rispetto a un’automobile, è meno dispendioso. E, dal momento che economicamente non può permettersi di prendere la patente per l’auto, il mezzo su due ruote gli era sembrato la migliore soluzione.

Una soluzione che però non ha tenuto conto delle regole per l’uso dei mezzi di trasporto elettrici. L’ostacolo lo ha trovato ieri sera, 29 ottobre, quando è stato fermato dalla polizia municipale che lo ha multato.

«Pensavo di finire gli studi qui a Torino e di iniziare una carriera professionale vera – racconta il giovane che nel frattempo ha lanciato un appello rivolto a chiunque sia nelle condizioni di aiutarlo per mettere insieme i soldi con cui pagare la multa. «Adesso ho davvero bisogno di aiuto».

Leggi anche: