Migranti, Fra’ Biagio a piedi per 1.500 km fino a Bruxelles: «Cara Ue, integrazione è sentirsi amato»

Il missionario di Palermo è arrivato «stremato» a Bruxelles dopo 116 giorni di cammino in cui ha affrontato «freddo, pioggia e vento»

Fratel Biagio è arrivato a Bruxelles: 1.500 chilometri a piedi per raggiungere la sede del Parlamento europeo e lì parlare di diritti umani con gli eurodeputati dei vari Stati. Fra’ Biagio ha camminato a piedi, sulle rotte dei migranti, partendo da Palermo con il traghetto fino a Genova per poi arrivare a piedi a Milano.

Poi, «sempre rigorosamente a piedi», spiega il suo portavoce, è andato in Svizzera, ha percorso tratti in Germania e in Francia, a Strasburgo, dove ha incontrato il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli a cui ha consegnato una lunga lettera.

Fra’ Biagio e il presidente del Parlamento europeo David Sassoli

«Ogni uomo e donna è da rispettare, ha diritto di mangiare, di una casa, di un lavoro, vale per ogni emarginato, emigrante, immigrato e profugo. Ogni essere umano è nostro dovere aiutarlo senza fare distinzioni di colore, nazione, religione, di chi crede e di chi non crede. La vera integrazione inizia dal sentirsi accolto e amato[…] Carissima e amata Unione Europea, ricordiamoci  che la storia ci insegna che siamo frutto di tanti popoli, non possiamo permettere che vinca il male» si legge nella missiva «tradotta in sette lingue» (inglese, francese, spagnolo, tedesco, polacco, romeno e greco).

Fra’ Biagio poi è andato nella sede Ue di Lussemburgo dove ha incontrato alcuni funzionari. E infine ha percorso il Belgio fino ad arrivare a Bruxelles.

1.500 chilometri e 116 giorni di cammino

In queste settimane Fratel Biagio ha parlato con vescovi, sacerdoti, politici e italiani all’estero. Il missionario di Palermo – spiega il suo portavoce – è arrivato «stremato» a Bruxelles dove è stato accolto in un convento francescano dopo 116 giorni di cammino in cui ha affrontato «freddo, pioggia e vento».

Ora, dopo un riposo forzato – «ha i piedi spaccati a causa del freddo, ferite che ha fasciato con delle garze» – andrà al Parlamento Europeo per incontrare gli europarlamentari di vari stati per sensibilizzarli circa il rispetto dei diritti umani. Solidarietà, accoglienza e attenzione ai più deboli sono gli argomenti a lui più cari.

Chi è Fra’ Biagio Conte

Fra’ Biagio Conte della Missione Speranza e Carità – comunità di Palermo che accoglie oltre 1.100 persone in difficoltà da ogni parte del mondo – ha scelto la strada della povertà all’età di 26 anni quando si è allontanato da casa mettendo in allarme i suoi genitori che, all’epoca dei fatti, lo cercarono persino attraverso Chi l’ha visto?.

Leggi anche: