Tra il 2050 e il 2100 tante «Venezie» coperte dal mare, se non ridurremo le emissioni

Cosa potrebbe accadere in futuro nelle nostre città costiere con l’aumento del livello dei mari

L’acqua alta a Venezia non dovrebbe ricordarci solo i soliti ritardi e controversie nella gestione delle nostre infrastrutture, come nel caso del Mose, che se in funzione avrebbe potuto giocare un ruolo importante nella gestione dell’emergenza attuale.

Si discute anche del ruolo che possono giocare i cambiamenti climatici nell’esasperare fenomeni di questo tipo. Visto che citare gli interventi di Greta Thunberg “non ci piace”, perché “dovrebbero parlare solo gli esperti”, abbiamo contattato il geofisico Roberto Guardo, il quale ha mostrato con delle mappe interattive consultabili online, cosa potrebbe accadere entro un Secolo nelle coste di tutto il Mondo, se non faremo niente per ridurre le emissioni di gas serra.

Roberto Guardo è un ricercatore con alle spalle diversi studi scientifici, vive in Argentina da quando ha vinto una borsa di studio di cinque anni a seguito della presentazione di un progetto di vulcanologia. Il Geofisico spiega a Open cosa potremmo aspettarci in futuro se non faremo qualcosa di concreto oggi.

Il preoccupante futuro delle regioni costiere nel Mondo

L’applicazione nelle mappe interattive di determinati dati statistici riguarda le proiezioni di quanto potrebbe succedere tra il 2050 e il 2100 nel livello dei mari, se l’emissione dei gas serra non verrà ridotta. Ovviamente ci riferiamo a un fenomeno lento e graduale. «In realtà, anche con tagli drastici nel 2120 l’acqua potrebbe alzarsi comunque di 50cm – precisa Guardo – quindi oltre a ridurre gli inquinanti dovremmo cominciare a pensare delle soluzioni nel lungo periodo».

Guardo nel video che ha realizzato nel suo canale YouTube si è avvalso del sito interattivo di geoinformatica Climatecentral. Si tratta di uno spunto di riflessione che mostra quanti danni potrebbero fare 50cm in più del livello del mare, tenuto conto che sono stati pubblicati studi meno “ottimisti”, i quali stimano livelli molto più alti, considerando che il fenomeno temporaneo dell’acqua alta a Venezia è ritenuto preoccupante a partire da 150cm, mentre sotto gli 80cm è considerato nella norma.

ClimateCentral/Buenos Aires prima e dopo gli effetti dei cambiamenti climatici sul livello dei mari.

I dati del sito provengono dal Noaa, che insieme alla Nasa aveva già prodotto uno studio importante sugli effetti del Riscaldamento globale e sulla affidabilità delle misurazioni che ci hanno permesso di conoscere il fenomeno. 

«Puoi applicare le proiezioni sui livelli dei mari in base ai tagli drastici, moderati o assenti delle emissioni – spiega il Geofisico – Il team che ha realizzato la mappa non azzarda invece di mostrarci cosa potrebbe succedere in caso di un ulteriore incremento degli inquinanti».

ClimateCentral/Ho-Chi-Minh prima e dopo.

Inoltre si tratta di proiezioni e non previsioni: non sono sinonimi, va ricordato. «Come suggerisce il termine, “ti proietta” nel futuro – continua Guardo – supponendo che i fattori noti restino come quelli attuali, osservando che genere di variabili possono venire modificate rispetto alla tendenza stimata.

Per esempio, se negli ultimi 20 anni c’è stato un aumento delle temperature secondo un certo trend, possiamo calcolare cosa succederebbe nel successivo ventennio mantenendo le condizioni attuali».

ClimateCentral/Venezia prima e dopo.

Cosa mostrano le proiezioni nella mappa interattiva di Climatecentral? «Se il livello del mare aumentasse di soli 50cm, ci sarebbero tante “Venezie”, e non parliamo di maree che poi passano – spiega il Geofisico – ma di un aumento permanente. Città come Venezia, Amsterdam e Buenos Aires verrebbero di fatto sommerse.

Attenzione però a non scatenare allarmismi. Questo genere di mappe servono soprattutto a sensibilizzare riguardo al problema: guardarlo in faccia, invece di continuare a polemizzare pro o contro Greta Thunberg. 

Si possono osservare quali potrebbero essere le coste che si ritireranno nel Mondo: dall’Italia all’Olanda settentrionale; dalle coste Atlantiche argentine a quelle della California; passando per il Vietnam e il Giappone.

Potrebbero essere tante le zone costiere del Pianeta danneggiate. Tutto questo se non dovessimo diminuire le nostre emissioni di gas serra».

Foto di copertina: La mappa interattiva di ClimateCentral sulle conseguenze dei cambiamenti climatici nel livello dei mari.

Sullo stesso tema: