Impeachment, l’ambasciatore Usa all’Ue Sondland accusato di molestie da tre donne

L’ambasciatore ha negato tutto. Per il suo avvocato si tratta di una forma di corruzione dei testimoni

È uno dei testimoni chiave nel processo di impeachment nei confronti del presidente americano Donald Trump e soltanto qualche settimana fa, il 5 novembre, ha rivelato durante la sua audizione al Congresso di aver detto a un alto funzionario ucraino che gli aiuti militari Usa e l’incontro del presidente ucraino Zelensky con Trump alla Casa Bianca erano subordinati a una dichiarazione pubblica sull’avvio delle indagini sul figlio del politico democratico e sfidante di Trump, Joe Biden.

Adesso però Sondland è stato accusato di molestie da parte di tre donne diverse: accuse che rischiano di indebolire la sua testimonianza.

Le accuse

Le accuse risalgono a un periodo precedente alla sua nomina ad ambasciatore da parte di Donald Trump nel 2018. Secondo le tre donne che lo hanno denunciato – Nicole Vogel, Jana Solis e Natalie Sept – le molestie sarebbero accadute in contesti lavorativi.

In un caso Sondland, ricco imprenditore e fondatore della catena di hotel del gruppo Provenance, avrebbe ritirato l’offerta di investire nel settimanale di proprietà di Vogel dopo il rifiuto di lei – per due volte – delle sue avances.

Solis invece sarebbe stata assunta da Sondland come ispettrice nei suoi hotel, per poi essere licenziata in un secondo momento sempre dopo averlo rifiutato. Nel caso della terza donna, Natalie Sept, i due si sarebbero conosciuti per un colloquio di lavoro, finito nel nulla dopo che Sept aveva respinto un suo approccio.

La difesa

Sondland non ha esitato ad attribuire un movente politico alle accuse. «Non hanno nessuna base nella realtà e le nego categoricamente», ha dichiarato l’ambasciatore americano, mentre il suo avvocato, Jim McDermott, ha dichiarato che le tre donne stanno «dando la caccia» a Sondland, aggiungendo che visto l’attuale clima politico si potrebbe considerare le loro accuse una forma di corruzione dei testimoni.

Leggi anche: