Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tampon Tax, trovata intesa per ridurre l’Iva per gli assorbenti, ma solo se “bio”

Secondo quanto si apprende da fonti di maggioranza, l’Iva passerebbe dal 22% al 5%, ma sono sui prodotti compostabili

Secondo quanto riferito da fonti di maggioranza, a margine dei lavori in commissione Finanze sul Decreto Fiscale, sarebbe stata raggiunta l’intesa per la riduzione dal 22% al 5% dell’Iva sugli assorbenti bio.


L’emendamento finale del M5s che verrà presentato alla ripresa dei lavori della Commissione Finanze sul Dl Fisco – a prima firma Vita Martinciglio – prevederebbe l’introduzione dell’imposta agevolata al 5% per i prodotti compostabili per l’igiene intima femminile, nonché per dispositivi d’igiene intima per anziani, neonati e disabili. 


Un emendamento simile a quello presentato dal Pd, a prima firma Laura Boldrini, e che prevederebbe una riduzione tout court sugli assorbenti dal 22% al 10%, senza l’inserimento di requisiti di biodegradabilità o compostabilità dei prodotti igienico – sanitari. 

La proposta era stata già avanzata nel 2018, in commissione Bilancio alla Camera dei Deputati, quando l’idea era di abbassare al 5% l’Iva per assorbenti, pannolini e coppette mestruali ecologiche. Allora la proposta fu bocciata in aula anche a causa dei voti contrari del M5s, e giustificati dai pentastellati dalla mancanza di coperture economiche e finanziarie.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: