Burkina Faso, attacco a una chiesa protestante: almeno 14 morti, diversi i bambini

L’attacco è avvenuto a Foutouri, un’area già teatro di aggressioni da parte di gruppi terroristi legati ad al Qaeda e all’Isis

Almeno 14 persone sono morte e altre sono rimaste ferite nell’attacco a una chiesa protestante in Burkina Faso, durante una funzione religiosa. Tra le vittime ci sarebbero anche diversi bambini. Lo riportano media internazionali. L’attacco è avvenuto nella regione di Foutouri, un’area già teatro di aggressioni da parte di gruppi terroristi legati ad al Qaeda e all’Isis.

Il governo ha precisato che «uomini armati non identificati» hanno assaltato l’edificio durante la messa domenicale nella cittadina di Hantoukoura, vicino al confine con il Niger. I soldati sono a caccia dei responsabili, scappati dopo aver fatto «14 morti e molti feriti».

Gli attacchi in Burkina Faso, che confina con Niger e Mali, sono iniziati nel nord ma si sono poi diffusi nell’est e nell’ovest del Paese nel 2018; la stessa capitale è stata colpita tre volte. Secondo l’Onu, sono circa 500mila gli abitanti che sono stati costretti a lasciare le proprie abitazioni a causa delle violenze. Ex colonia francese, per due terzi abitata da musulmani e un terzo cristiani, il Burkina Faso ha dovuto affrontare nell’ultimo anno un intensificarsi degli attacchi.

Il 2019 è stato infatti particolarmente violento, con un’ondata di attacchi terroristici e violenza settaria. La maggior parte degli attacchi in Burkina Faso è stata attribuita ai gruppi jihadisti militanti Ansar-ul-Islam e JNIM (Group in Support of Islam and Muslims).

In copertina: Immagine di repertorio Burkina Faso ANSA – EPA/STR

Leggi anche: