Mes: la bozza del trattato era pubblica dal 15 giugno e linkata su Twitter

Borghi racconta di un incontro dove impedivano di diffondere la bozza del trattato, ma ci pensò lo stesso giorno l’account Twitter del Mes

In un’intervista a Radio Radio del 2 dicembre 2019 il deputato leghista Claudio Borghi sostiene che il 15 giugno il testo del Mes era stato reso noto a sole 4 persone – tra questi il senatore Bagnai della Lega – in una stanza in assoluta segretezza e con il divieto di diffonderlo prendendo appunti o scattando fotografie. Una scena da film che metterebbe in cattiva luce il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ma che di fatto conferma che la Lega era a conoscenza di tutto.

Risulta, come spiegato da Nextquotidiano, che il testo del Mes era pubblico, scaricabile e consultabile da qualunque cittadino europeo in possesso di una connessione Internet. Dove era possibile scaricarlo? Dal sito del Mes.

L’account Twitter ufficiale del Mes aveva pubblicato proprio il 15 giugno 2019, data dell’incontro blindato raccontato da Borghi, il link diretto al testo del documento – e altro – aggiornato in quella data:

1/2 Revised draft of the #ESM Treaty as agreed by the #Eurogroup https://consilium.europa.eu/media/39772/revised-esm-treaty-2.pdf

Il tweet del Mes con la bozza in chiaro.

Un passaggio non di poco conto, perché bastava dunque seguire l’account Twitter del Mes per leggere la bozza del trattato e studiarla a partire dal giorno indicato da Borghi.

La bozza con la data del 14 giugno 2019.

Aggiornamento ore 22:52

Il deputato Borghi risponde all’articolo con il seguente tweet:

Oh che storia interessante, un lapsus sul numero del giorno… Ho postato nei giorni scorsi tutti gli screenshot con la data (il 12) e ci si aggrappa ad una volta che per sbaglio ho detto 15? Ma che tristezza

Borghi parla di un «lapsus» e di aver detto «una volta» e «per sbaglio» la data del 15 giugno. In verità lo ha fatto più di una volta nell’arco delle giornate del 2 e del 3 dicembre 2019. Riporto la trascrizione dell’intervento di Borghi a Radio Radio, dove lo ripete 3 volte:

(min. 0:24) Il testo del Mes, ancora assolutamente provvisorio, fu reso noto non si può dire al Parlamento, ma solo a 4 persone il 15 giugno[1]…

(min. 0:55) Quindi, se il 15 giugno[2] un testo di così tale rilevanza, di così importante complessità, viene mostrato da Conte a 4 persone in inglese, con le modalità vergognose che sono appena state descritte dal senatore Bagnai […] Io penso che nessuno possa dire che il Parlamento era informato…

(min. 2:18) Il testo è apparso, è stato reso noto il 15 giugno[3] con quelle modalità che vi ho detto…

(min. 3:07) Noi abbiamo un testo di cui il Parlamento non era assolutamente al corrente…

Nella condivisione Twitter di Radio Radio il deputato Borghi risponde a una utente a seguito di un suo tweet:

@alessiatronchi: «Bugiardi! il testo della bozza di accordo è stato reso noto anche alle Commissioni parlamentari di Camera e Senato. La prova è nel DOSSIER EUROPEO, SENATO N. 54 – DOCUMENTAZIONE PER LE COMMISSIONI, CAMERA N. 13 21 GIUGNO 2019: http://senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/01113955.pdf»

@borghi_claudio: «Scusi signora, forse le sfugge che il dibattito alla Camera con l’ordine a Conte di non firmare nulla si tenne il 19 Giugno»

Dunque, dal 15 giugno (data di pubblicazione del documento) sono passati dei giorni fino alla data in cui il Parlamento – parola di Borghi – ha detto a Conte di non firmare nulla. Sempre secondo quanto dichiarato da Borghi, Conte avrebbe firmato il 21 giugno e ripete la data del 15:

@alessiatronchi: «Quindi si contraddice quando afferma che era stato reso noto solo a 4 persone il 15 giugno, dato che ammette che è stato illustrato in aula il 19 giugno!»

@borghi_claudio: «Scusi, vedo che ha difficoltà con il calendario. Il 15 giugno lo leggiamo pur con quelle modalità penose, il 19 giugno in aula diciamo a conte che non ci sta bene
https://twitter.com/LeleDip/status/1141282146386137089
Il 21 giugno conte fregandosene del mandato approva il testo.
Adesso ci siamo?»

Detto questo, il fulcro della questione è che Borghi sostiene che il Parlamento non era al corrente del documento mentre di fatto quest’ultimo era a disposizione di ogni cittadino dell’Unione europea (e non solo) fin dal 15 giugno 2019, giorni prima del 19 giugno 2019 in cui avrebbero chiesto a Conte di non firmarlo.

Stesso discorso vale per gli allegati III e IV che erano stati sempre condivisi dall’account Twitter del Mes sempre il 15 giugno 2019:

Leggi anche: