Roma, pacco bomba destinato al Viminale. Dentro, una scritta “pro Salvini”

Il ritrovamento risalirebbe a fine ottobre. Fonti di polizia contattate da Open confermano la notizia

La polizia ha disinnescato un pacco bomba intercettato nell’ufficio smistamento delle Poste in via Ostiense, a Roma. Era destinato al Viminale, in modo generico.

All’interno del pacco c’erano alcuni ritagli di giornale e una scritta “pro Salvini“. Non un messaggio politico compiuto però, per questo al momento si esclude sia la matrice anarco insurrezionalista sia quella legata agli ambienti della destra estrema.

Il ritrovamento risalirebbe a fine ottobre, secondo quanto riporta il sito Leggo, che ha dato la notizia in esclusiva.

Fonti di polizia contattate da Open confermano la notizia del ritrovamento del pacco bomba. Stando a quanto riportano gli investigatori, il pacco poteva esplodere: all’interno c’era innesco con batterie collegato a un contenitore con della polvere pirica. Sicuramente era destinato a far male anche se, dai primi rilievi, non aveva il potenziale di uccidere.

Sono in corso le indagini ma dai primi accertamenti si escluderebbe una matrice anarco-insurrezionalista.

Leggi anche: