Dalla sugar alla plastic tax: ecco come cambia la Manovra 2020

Sterilizzato l’aumento dell’Iva, stangata sul gioco d’azzardo, plastic e sugar tax rimandate. Ecco cosa cambia nella manovra

Tra minacce di crisi di governo, scontri e un braccio di ferro fino all’ultimo istante, la maggioranza sigla quella che dovrebbe essere l’intesa finale sulla manovra. Slitta a luglio la tassa sulla plastica da 40 centesimi al chilo, parte da ottobre la “sugar tax”, arrivano 65 milioni per i Vigili del fuoco. L’intesa, che secondo alcune stime porta il valore totale della manovra a 32 miliardi, arriva al termine di riunioni fiume che sono andati avanti a Palazzo Chigi per un totale di 30 ore.

La trattativa porterà a un aumento delle tasse sulle vincite alle slot machine. E porta anche a limitare l’aumento dell’Ires (imposta sul reddito delle società) sui profitti dei concessionari pubblici: riguarderà autostrade e aeroporti, non le acque minerali o le telecomunicazioni ed energia elettrica (con rischio rincaro delle bollette). Il dettaglio arriverà nei prossimi giorni.

«Abbiamo elaborato una proposta di manovra molto articolata. Una proposta che, rispetto al quadro iniziale che abbiamo dovuto affrontare, è una proposta molto efficace che per prima cosa ha sterilizzato l’incremento dell’Iva per 23 miliardi dobbiamo ricordarlo questa è prima fondamentale misura che abbiamo dovuto affrontare, forse la più proibitiva. Abbiamo scongiurato una imposizione sui consumi», ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa dopo il vertice sulla manovra a Palazzo Chigi.

Ma in maggioranza c’è ancora molta tensione non solo sulle misure ma anche sull’iter “compresso” della manovra: i tempi sono tanto stretti che le modifiche saranno probabilmente concentrate tutte al Senato. La Camera rischia di non toccare palla: l’opposizione già protesta e minaccia ricorsi, la stessa maggioranza sul punto è spaccata.

Ma Conte e Gualtieri spiegano che, con un governo nato a settembre, forse di meglio per ora non si poteva fare: «Miglioreremo il prossimo anno». La bufera parlamentare passerà, spiegano dal Pd: a preoccupare per i prossimi mesi sono più le tensioni politiche e la tendenza di Iv e M5s al «continuo rilancio» e a «disfare ogni volta le intese raggiunte».

Plastic tax

Dopo il lungo braccio di ferro, Italia Viva ottiene lo slittamento della plastic tax e una riduzione del prelievo dell’85%. La tanto dibattuta tassa entrerà in vigore a luglio 2020 e prevede un prelievo di 40 centesimi al chilo (inizialmente era un ero al chilo). A essere colpite non saranno le materie plastiche, così come saranno esclusi le siringhe e i prodotti utilizzati nella sanità e quelli che contengono merci e prodotti alimentari.

Sugar Tax

Altra mezza vittoria per i renziani è quella che riguarda la sugar tax. La tassa sullo zucchero prevede un prelevamento di 10 euro per ettolitro per i prodotti finiti e di 0,25 per i prodotti volti all’utilizzo previa diluizione. Esenti le bevande il cui contenuto complessivo di edulcoranti è inferiore o uguale a 25 grammi per lito. La tassa, secondo le prime stime del governo, avrebbe dovuto portare 240 milioni di gettito. Ma la sua entrata in vigore è stata fatta slittare a ottobre del prossimo anno.

Festeggia Matteo Renzi che su Twitter parte già all’attacco in vista dei prossimi mesi: «Il Governo nasce per evitare l’aumento dell’Iva. Primo obiettivo raggiunto. Bene lo stop all’aumento delle tasse su auto, cellulari, casa. Sugar e plastic tax rinviate: nel 2020 riusciremo a cancellarle. Buon compromesso».

https://twitter.com/matteorenzi/status/1203072772815101952

Gioco d’azzardo

La stangata maggiore è arrivata al settore dei giochi. La tassa della fortuna, che oggi si applica sulle vincite superiori a 500 euro, salirà dal 12 al 20% per le nuove slot machine e partirà dai 200 euro di vincita.

Per le slot machine di prima generazione ci sarà un aumento fino al 23,5%. Con questa manovra il governo spera di recuperare i 300 milioni che serviranno a far slittare l’introduzione della sugar tax al prossimo ottobre.

Benzina e diesel

Uno degli aumenti più significativi riguarda quello relativo alle imposte sulla benzina. Dal 2021 potrebbe arrivare un nuovo aumento su benzina e diesel con entrate che dovrebbero arrivare a 868 milioni per il 2021 fino a 1,2 miliardi entro il 2024. È previsto inoltre un aumento del 3% dell’aliquota Ires per concessionari autostradali, e per chi gestisce aeroporti, porti, ferrovie.

Leggi anche: