Politica in subbuglio: Salvini cita un sondaggio “esplosivo” sulla Toscana. Domani lo pubblica La Nazione

di OPEN

Nell’altra tradizionale roccaforte della sinistra si vota in primavera, e secondo il leader leghista sarà una sfida non impossibile

In questa fase così delicata ogni spiffero fa agitare la scena politica, già scossa da guai veri (lo è quello della Popolare di Bari, che ha fatto rivivere con terrore a chi lo visse dal governo, ma anche a chi lo agitò dall’opposizione, l’affaire Etruria). Oggi Salvini era a Milano, e pressato sul caso delle elezioni emiliane e sulle voci di un’inerzia delle intenzioni di voto più favorevole a Stefano Bonaccini che alla Lucia Borgonzoni, dopo aver confermato fiducia per un successo della sua candidata ha aperto a sorpresa un’altra partita, quella toscana.

Nell’altra tradizionale roccaforte della sinistra si vota in primavera, e secondo il leader leghista sarà una sfida non impossibile. Anzi: Salvini ha fatto cenno a un sondaggio che ha già in mano, perché è stata la Lega a commissionarlo alla Swg di Trieste, e che è stato realizzato lunedì scorso. Cosa si dice nel sondaggio? Top secret, ma solo fino a domattina, quando lo pubblicherà il quotidiano di Firenze, La Nazione. Circolano molte voci incontrollate al riguardo, sul centrodestra che sarebbe davanti di un’incollatura, e sul Pd a rischio di perdere la posizione sempre confermata di primo partito della regione.

Ma la verità è che bisogna aspettare, intanto fino a domani per il sondaggio, e poi ancora qualche mese per alcuni elementi decisivi: chi saranno i candidati dei due schieramenti? Cosa faranno i 5 stelle? E come influirà sulla corsa il risultato del 26 gennaio in Emilia-Romagna? Per i candidati il centro sinistra sembra orientato sul fiorentino Eugenio Giani, navigatore di lungo corso del Pd, mentre nel centrodestra Salvini vorrebbe scegliere una donna, come in Umbria e appunto in Emilia-Romagna. Oltre alla neo eurodeputata, e sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi, si fa anche un nome più istituzionale, quello del prefetto di Firenze, una dirigente molto stimata, e con un cognome perfetto, Laura Lega.

Leggi anche: