Angela Merkel al discorso di fine anno: «Hanno ragione i giovani che protestano: il cambiamento climatico è una minaccia»

«Sono i nostri figli e i nostri nipoti che dovranno vivere con le conseguenze di ciò che facciamo», ha sottolineato la Cancelliera

Nel suo messaggio di fine anno, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha promesso che lotterà con tutte le forze per combattere i cambiamenti climatici e per permettere alle future generazioni di vivere in pace e prosperità. «Il riscaldamento globale è reale, è una minaccia», ha affermato nel discorso che sarà trasmesso in tv per l’ultimo dell’anno.


«Dobbiamo fare tutto ciò che è umanamente possibile per superare questa sfida umana, è ancora possibile», ha aggiunto, ed è un dovere «verso i nostri figli e i nostri nipoti». «Questa convinzione – ha aggiunto – ci ha fatto ratificare un programma di protezione del clima, fra Bund e Laender, qualche giorno fa».

«È vero – ha continuato poi senza citare esplicitamente i giovani di Fridays for future, che accusano gli “anziani” del pianeta -, con i miei 65 anni sono in un’età per la quale non vivrei le conseguenze del cambiamento climatico, che arriverebbero se la politica non agisse. Sono i nostri figli e i nostri nipoti che dovranno vivere con le conseguenze di ciò che facciamo o di ciò che tralasciamo. Perciò io impegnerò tutte le mie forze, affinché la Germania dia il suo contributo, ecologicamente, economicamente e socialmente, per controllare il cambiamento climatico».

Ricordando i trent’anni dall’unificazione della Germania che ricorreranno il prossimo anno, Merkel ha poi ribadito che la Germania può restare in salute «soltanto se l’Europa sta bene» e per questo ha auspicato «una voce più forte dell’Europa nel mondo».

«A questo scopo, quando avremo la presidenza europea l’anno prossimo ci impegneremo per un vertice degli Stati membri con la Cina e per un incontro con i Paesi dell’Africa», ha annunciato la Merkel. Sull’Africa, la cancelliera ha insistito sulla necessità di collaborare perché «solo se le persone hanno la chance di una vita pacifica e sicura l’esodo e la migrazione caleranno».

Leggi anche: