L’obiettivo è Israele. L’Iran sarebbe pronto a colpire la città di Haifa per vendicare Soleimani

Il leader di Hezbollah ha avvertito, durante un evento a Beirut, che l’esercito statunitense «pagherà il prezzo» per l’uccisione di Qassem Soleimani

«Mohsen Rezaie ha dichiarato che la ritorsione dell’Iran per l’assassinio di Soleimani includerà attacchi a Haifa e alle basi dell’Idf in Israele». L’informazione è stata diffusa da Aurora Intel, un’agenzia di stampa con sede in Israele che si occupa di Medio Oriente.

Fonte: Twitter | La comunicazione di Aurora Intel

L’obiettivo è Israele quindi. Haifa è la terza città per numero di abitanti in Israele. Non solo. Haifa è anche il più trafficato scalo marittimo del Paese. La scelta di questo obiettivo potrebbe essere collegata al fatto che si trova vicino a una delle zone del Libano che sono controllate da Hezbollah, partito e gruppo armato sciita appoggiato dall’Iran. Idf invece è la sigla che sta per Forze di difesa israeline.

La dichiarazione è attribuita a Mohsen Rezaie, un ex comandante delle Guardie rivoluzionarie, il gruppo politico che dalla rivoluzione islamica è diventato sempre più potente all’interno dell’Iran. Oltre ad essere una forza politica, le Guardie rivoluzionarie, conosciute anche come pasdaran, sono una forza paramilitare.

Dove si trova Haifa rispetto allo Stato di Isreale

Intanto, Hassan Nasrallah, il leader di Hezbollah, ha avvertito, durante un evento a Beirut, che l’esercito statunitense «pagherà il prezzo» per l’uccisione di Qassem Soleimani.

Foto di copertina: Wikipedia | Una vista dall’alto delle città di Haifa

Leggi anche: