Caso Gregoretti, la maggioranza chiede il rinvio del voto. Il leghista: «Hanno paura, sono senza dignità»

Il presidente della Giunta Maurizio Gasparri ha proposto di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere

Il presidente della Giunta delle immunità del Senato, Maurizio Gasparri, ha chiesto di respingere la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Gregoretti.

Mentre il senatore del M5s, Mattia Crucioli, ha chiesto di rinviare il voto della Giunta a dopo le elezioni in Emilia Romagna. Anche le altre forze della maggioranza hanno concordato con la proposta di rinvio. «Hanno paura di perdere la faccia, sono senza onore e senza dignità», ha subito commentato Matteo Salvini.

Il no di Gasparri

«Si tratta in tutta evidenza di fattispecie del tutto similari ed eventuali enfatizzazioni di aspetti secondari non mutano la realtà delle cose. Pertanto, per le ragioni esposte e in linea di continuità rispetto alle decisioni già assunte da questo organo in questa legislatura, si ritiene doveroso prospettare l’opportunità che la Giunta coerentemente proponga all’assemblea il diniego della richiesta di autorizzazione a procedere di cui al documento in titolo». È la conclusione della relazione che Gasparri ha illustrato ai senatori.

«Nel caso di specie il coinvolgimento del governo non deve essere quindi valutato dalla giunta ai fini penalistici quanto ai fini politico-governativi. Quindi come precisato anche nella relazione all’assemblea sul caso Diciotti, la Giunta è chiamata a valutare esclusivamente la sussistenza o meno di un interesse pubblico inerente alla funzione di governo», ha precisato Gasparri.

Verso il rinvio?

Si tratta della risposta alla richiesta del tribunale dei ministri di Catania nei confronti dell’ex ministro dell’Interno per il ritardato sbarco di 131 migranti l’estate scorsa. Il voto della Giunta era previsto per fine mese. Ma ora potrebbe slittare a causa della richiesta di rinvio.

Di un possibile rinvio si era parlato già ieri, ma Gasparri lo aveva escluso. «È un’ipotesi inesistente», aveva detto il presidente. Questa mattina, durante la riunione della Giunta, il grillino Mattia Crucioli ha chiesto di posticipare, tenendo conto della sospensione delle attività delle commissioni di Palazzo Madama prevista dalla Conferenza dei capigruppo dal 20 al 26 gennaio per via delle elezioni regionali del 26 e un ulteriore approfondimento dell’istruttoria.

Poi dovrà votare l’Aula. I numeri per l’ex ministro dell’Interno sono risicati. Il M5s, che salvò Salvini dal processo per il caso Diciotti, ha già fatto sapere che voterà sì al processo. Le riunioni della Giunta serviranno per capire le posizioni dei singoli gruppi.

Su Salvini pende l’accusa di sequestro di persona ai danni di 131 persone, aggravata dall’abuso di potere e dall’aver commesso il fatto a danno di minori. Il 3 gennaio Salvini ha depositato la sua memoria difensiva: una selezione di 7 email scambiate tra gli uffici di gabinetto del Viminale e quelli della Farnesina per dimostrare che quella di tenere ferma la Gregoretti fu una decisione collegiale.

Leggi anche: