Musica, Dente torna sulla scena: esce un nuovo singolo del precursore dell’indie italiano – L’intervista

Il cantautore di Fidenza non accetta il titolo di “padre dell’indie”: «Io faccio musica italiana». Nel 2020 pubblicherà il suo settimo album in studio

Sono passati 14 anni dall’uscita del suo primo disco, Anice in bocca: «Portandolo in giro, con i vari concertini, sono riuscito a mettere da parte i soldi necessari per pagarmi l’affitto». Giuseppe Peveri, in arte Dente, ha 43 anni e dal 2006 non ha mai smesso di fare musica. «Non ho dimenticato – racconta a Open -, quando scrivevo canzoni sul furgone che usavo per le consegne: all’epoca lavoravo in un magazzino a Fidenza».

«Con l’uscita del primo disco, ho iniziato a girare l’Italia per suonare davanti a pochissime persone, dormendo dove trovavo posto gratuitamente». Dente faceva parte di quella combriccola di artisti che hanno fatto conoscere il genere indie prima che le persone lo definissero in questo modo. «Ricordo che spesso partivo con Vasco Brondi de “Le Luci della Centrale Elettrica” per andare a suonare e preparavamo noi le confezioni dei dischi che poi vendevamo su dei banchetti improvvisati».

Il 9 gennaio 2020 è uscito Cose dell’altro mondo: il nuovo singolo sarà presente nell’album di inediti che Dente pubblicherà quest’anno. «Cose dell’altro mondo è una canzone ambientata in provincia, tra i sogni e i ricordi, i vecchi amici e il tempo che passa in mezzo alla nebbia e dentro ai bar».

In attesa del disco, Dente ha già programmato le date del tour che attraverserà la Penisola tra marzo e aprile:

  • 13 marzo– Latteria Molloy – Brescia
  • 14 marzo – New Age – Roncade (TV)
  • 20 marzo – Locomotiv Club – Bologna
  • 21 marzo – Bronson Club – Ravenna
  • 27 marzo – Casa delle Arti – Conversano (BA)
  • 28 marzo – Officine Cantelmo – Lecce
  • 3 aprile – Hall – Padova
  • 17 aprile – Teatro Alfieri – Montemarciano(AN)
  • 18 aprile – Common Ground – Napoli
  • 25 aprile – Spazio 211 – Torino

Video: Vincenzo Monaco

Sullo stesso tema: