Libia, le milizie di Sarraj: «Haftar ha violato ancora la tregua». Riparte l’offensiva a sud di Tripoli?

La ripresa dell’offensiva sarebbe avvenuta a poche ore dalla chiusura della conferenza di Berlino

La denuncia arriva dalle milizie di al-Sarraj: il generale della Cirenaica Khalifa Haftar avrebbe ripreso nella tarda serata di ieri, 19 gennaio, l’offensiva a sud della capitale libica Tripoli, nonostante la tregua proposta il 12 gennaio da Russia e Turchia.


A renderlo noto sono appunto i combattenti del Governo di accordo nazionale di Fayez al-Sarraj che dichiarano di aver risposto al fuoco per respingere l’attacco su almeno tre fronti. Già altre volte sono state segnalate violazioni della tregua da entrambi i fronti.

Screen da Liveuamap

Nelle ore precedenti all’offensiva, Haftar e al-Sarraj erano presenti alla conferenza di Berlino sulla crisi libica. I due non si sono mai incontrati e non hanno firmato le dichiarazioni finali, che prevedevano, tra le altre cose, il cessate il fuoco nell’area.

Il 18 gennaio, la compagnia petrolifera nazionale libica aveva dichiarato lo stato di «forza maggiore» nei terminal petroliferi del golfo della Sirte, dopo che le milizie filo-Haftar avevano chiuso un oleodotto collegato ai pozzi. Nelle ultime ore sono stati chiusi anche quelli di El Sharara ed El Feel.

Leggi anche: