Salvini al citofono, il ragazzo accusato gli fa causa: «Violazione della privacy, della dignità e della vita privata»

Secondo quanto si apprende, al momento l’intenzione è quella di intentare una causa civile e non di presentare una denuncia penale

«Stiamo agendo in tutte le sedi competenti perché riteniamo che il nostro assistito abbia subito una grave violazione della sua privacy, della reputazione, della dignità e della vita privata». Cathy La Torre, l’avvocato che difenderà il ragazzo di 17 anni del Pilastro di Bologna, spiega così la decisione di passare alla vie legali dopo il gesto avvenuto la settimana scorsa e che ha coinvolto il leader del Carroccio, Matteo Salvini.

Alla vigilia delle elezioni in Emilia Romagna e in Calabria, l’ex ministro dell’Interno, spinto da una residente del quartiere che gli ha indicato il luogo e il cognome sul campanello, aveva citofonato a una famiglia di origine tunisina, esordendo – dopo i vari convenevoli – con la frase divenuta ormai celebre: «Ma lei spaccia?».

«Non è nostra intenzione far passare chi non è vittima come vittima, perché l’unica vittima in questa circostanza è un ragazzo ingiustamente accusato e ingiustamente molestato presso la propria abitazione», ha detto l’avvocato. La Torre spiega poi che non è stata un’iniziativa presa nei confronti di Salvini in quanto personaggio pubblico e figura istituzionale, ma «agiremo come avremmo agito nei confronti di qualsiasi cittadino».

Al momento l’intenzione è quella di intentare una causa civile e non di presentare una denuncia penale. Per ora, inoltre, non risulta che sia stato aperto d’ufficio alcun fascicolo dagli inquirenti.

Leggi anche: