Coronavirus, l’ironia dell’imprenditore cinese Francesco Wu: «Non abbiate paura degli italiani»

Così il referente per l’imprenditoria straniera a Milano commenta la notizia dei 15 contagi in Lombardia

«Dopo diversi casi in Lombardia voglio dimostrare che non ho paura dell’amica italiana. Come potete vedere #nonaverepauradeglitaliani», così Francesco Wu, referente della Confcommercio Milano per l’imprenditoria straniera, commenta la notizia dei 15 contagi da Coronavirus in Lombardia.

Facebook | Il post di Francesco Wu

Wu, in queste settimane, ha raccontato diversi casi di discriminazione ai danni della comunità cinese e soprattutto ha denunciato l’improvviso calo di fatturato, con relative disdette di prenotazioni, per le attività di ristorazione gestite appunto da cittadini cinesi.

La “notte delle bacchette”

Proprio ieri si è tenuta la “Notte delle Bacchette”, una serata di solidarietà gastronomica per sostenere i ristoranti orientali e soprattutto per devolvere parte degli incassi (il 50% della vendita dei piatti solidali, ndr) ai progetti di AiBi Amici dei Bambini, «che raccoglie donazioni e materiale per aiutare a gestire l’emergenza sanitaria negli orfanotrofi in Cina», duramente colpiti dagli effetti del coronavirus.

«Ristoranti pieni, strapieni, costretti a mettere alla porta decine di persone perchè “abbiamo prenotazioni fino alle 23”, code fuori da quelli che non accettano prenotazioni o vendono ravioli o calici di vino o pizze da asporto, tanti sorrisi, tante spille, tanti locali sparsi in giro per la città» ha scritto l’organizzatore Lorenzo Biagiarelli che si è detto soddisfatto della riuscita dell’evento a Milano.

Foto in copertina: Francesco Wu | profilo Facebook

Leggi anche: