Coronavirus, sospesi i controlli con gli etilometri a Torino

A segnalarlo è stato il deputato di Forza Italia e consigliere comunale Osvaldo Napoli

La profilassi contro il Coronavirus passa anche per i controlli stradali. A Torino la polizia municipale ha deciso di sospendere tutti gli accertamenti correlati alle apparecchiature con etilometro o sostanze psicotrope.

A rivelarlo è stato il Consigliere comunale, e deputato di Forza Italia, Osvaldo Napoli secondo cui circoleranno esclusivamente le pattuglie di viabilità che hanno ricevuto l’ordine di evitare ogni contatto con l’utenza indossando.

La denuncia del consigliere comunale: «Pura follia»

Per il deputato di Forza Italia il provvedimento è «pura follia». «La psicosi può mietere più vittime della stessa malattia, e la ragione rischia di essere la vittima più importante».

«Chi ha emanato questa disposizione sul territorio nazionale recepita su tutti i territori locali si rende conto che trasforma il coronavirus in un ottimo schermo dietro cui posso operare indisturbati ladri e taccheggiatori, drogati o ubriachi alla guida di auto?», si chiede Napoli. «Mi auguro, anzi auspico – ha aggiunto il deputato – che questa disposizione venga ritirata quanto prima per non trasformare Torino e ogni città in territori abbandonati alla criminalità spicciola».

FacebookIl consigliere comunale Napoli

In realtà, a quanto Open ha potuto verificare, la disposizione riguarda effettivamente solo la città di Torino. Nei giorni scorsi, una decisione analoga era stata presa dalla polizia stradale di Varese ma poi il Viminale è intervenuto a chiarire la questione: qualunque intervento che riguardi l’operato degli agenti della Polizia di stato deve venire da Roma, ovvero dal ministero dell’Interno. Proprio il ministero ha già chiarito tutte le procedure di sicurezza utili ad evitare i contagi.

Diverso il caso della polizia municipale, ovvero polizia locale, di Torino che ha il potere di regolarsi autonomamente.

Leggi anche: