Coronavirus, il Papa chiede il miracolo della fine della pandemia davanti al crocefisso della grande peste – Le immagini

Ha lasciato il Vaticano in forma privata e ha raggiunto San Marcello al Corso, dove c’è il crocifisso in legno che protesse Roma dalla “grande peste” nel ‘500

Questa è probabilmente la foto simbolo di questa domenica che suggella una settimana mai vissuta prima: Papa Francesco in giro a piedi per Roma per invocare la fine della pandemia da Coronavirus che sta coinvolgendo il mondo. Per questo ha lasciato il Vaticano in forma privata e ha raggiunto il crocifisso in legno che protesse Roma dalla “grande peste” nel Cinquecento, per chiedere il miracolo. E prima della visita alla chiesa di San Marcello al Corso, altra intensa preghiera per invocare la fine dell’emergenza epidemiologica l’ha recitata davanti alla Vergine Maria Salus Populi, durante la visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, in questa terza domenica di quaresima.

Papa Francesco in visita alla chiesa di San Marcello al Corso

Tutto è accaduto poco dopo le 16. L’immagine in evidenza mostra il Papa passeggiare lungo via del Corso in solitaria, senza mascherina, per raggiungere Santa Maria Maggiore e San Marcello al Corso, dove si trova, appunto, il crocifisso “miracoloso” che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città per invocare la fine della “grande peste” a Roma. «Con la sua preghiera – riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni -, il Santo Padre ha invocato la fine della pandemia che colpisce l’Italia e il mondo, implorato la guarigione per i tanti malati, ricordato le tante vittime di questi giorni, e chiesto che i loro familiari e amici trovino consolazione e conforto. La sua intenzione si è rivolta anche agli operatori sanitari, ai medici, agli infermieri, e a quanti in questi giorni, con il loro lavoro, garantiscono il funzionamento della società».

Il parere degli esperti

Leggi anche: