Coronavirus, compleanno a casa Bonucci: la foto ricordo abbracciati scatena la rabbia dei social: «Beati voi ricchi che potete incontrarvi»

«Ma voi abitate tutti assieme oppure ve ne siete fregati dei divieti di spostamento ed assembramento?», è uno dei i commenti negativi. E Martina Maccari ha spiegato tutto

«Che poi, Corona, cos’hai cambiato delle cose che nulla può cambiare?». Questa la didascalia sotto la foto di Martina Maccari, moglie del calciatore della Juventus Leonardo Bonucci, con cuore al seguito. Nell’immagine, pubblicata su Instagram, ci sono i figli del calciatore con la moglie, i suoceri e il fratello di lei. Si festeggia il compleanno di nonno Dino, padre di Martina. Lo scatto però non è sfuggito allo sguardo attento della rete, complice la noia da quarantena. Tante e feroci le critiche sotto la foto in stile tutti vicini vicini in epoca di distanziamento sociale e mascherine sul viso per proteggersi dal Coronavirus. «Beati voi ricchi che vi potete anche incontrare», «Ma voi abitate tutti assieme oppure ve ne siete fregati dei divieti di spostamento ed assembramento?», solo per citarne un paio.

Decine e decine di commenti negativi al punto che la moglie di Bonucci si è dovuta giustificare, pubblicando un messaggio autoassolutorio, sotto la stessa foto, in cui ha ripercorso i dettagli del suo isolamento: «Dal 7 marzo ho messo piede fuori casa 2 giorni fa per la prima e unica volta. Mi portano spesa a casa. Abbiamo usato un Glovo per la torta, regalato un disegno incorniciato con una vecchia cornice che avevamo a casa. I miei attraversano una scala interna per venire da me. Sono chiusi come me dal 7 marzo – scrive Martina Maccari -. Fatemi un favore criticate tutto, soldi, casa, marito, me in prima persona, ma non il senso civile e di responsabilità. Abbiamo donato e continuiamo ad adoperarci come possiamo per fronteggiare questa situazione. State facendo una polemica sterile a mio avviso. Se siete arrabbiati con il mondo vi capisco, ma non ci risolverà la vita tanta inutile polemica».

Il parere degli esperti:

Leggi anche: