Omicidio George Floyd, il silenzio interminabile di Trudeau alla domanda su Trump – video

Il premier canadese ha scelto di commentare in questo modo il comportamento del presidente degli Stati Uniti rispetto alle proteste di questi giorni

Venti secondi che sembrano un’eternità. Sono quelli impiegati dal premier canadese Justin Trudeau per rispondere a una domanda dalla stampa su quanto stia accadendo negli Stati Uniti – dove vanno avanti le proteste dopo l’omicidio di George Floyd – e, in particolare, su come il suo omologo americano, Donald Trump stia gestendo l’emergenza.

In particolare il giornalista chiede al primo ministro canadese di commentare il fatto che Trump abbia aperto all’uso dell’esercito per fermare le proteste e il fatto che sia stato usato del gas lacrimogeno sui manifestanti per permettere al presidente di avere una foto di fronte a una chiesa bruciata vicino alla Casa Bianca.

La risposta di Trudeau? Venti secondi di silenzio, al termine dei quali il premier canadese ha riportato l’attenzione sul Canada, dicendo che gli eventi di questi giorni offrono molti spunti per riflettere sulla vita delle minoranze nel suo Paese.

Leggi anche: