Camorra, maxi blitz dei carabinieri a Napoli: indagato il senatore di Fi Cesaro, arrestati i suoi fratelli

L’operazione colpisce i clan “Puca, “Verde”, e “Ranuncci” operanti a Sant’antimo (Napoli) e nei comuni limitrofi

Sono 59 le persone arrestate nell’inchiesta condotta dai carabinieri del Ros che va a colpire i clan della camorra Puca, Verde e Ranucci, attivi nella zona di Sant’Antimo, nella periferia a nord di Napoli. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione mafiosa, concorso esterno, corruzione elettorale, estorsione e turbata libertà degli incanti.

Sequestrata anche la società del centro commerciale”Il Molino”. Tra gli arrestati ci sono anche i fratelli del senatore di Forza Italia, Luigi Cesaro, due dei quali – Raffaele e Aniello – sono agli arresti domiciliari. Il terzo fratello – Antimo – invece sarebbe stato condotto in carcere. Lo stesso senatore sarebbe finito sotto indagine, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Ansa.

Articolo in aggiornamento

Leggi anche: