Guerra (Oms): «Non è finito niente: questa pandemia è identica alla Spagnola, che in autunno tornò più feroce»

Il dirigente dell’Oms è certo dell’arrivo di una seconda ondata a partire da settembre. E il calo dei dati di queste settimane non deve ingannare, facendoci abbassare la guardia

I diversi focolai che si stanno riaffacciando in Italia, da Mondragone a Bologna, non devono preoccupare, secondo il direttore aggiunto dell’Oms, Ranieri Guerra, ma è sui prossimi mesi che l’attenzione non deve assolutamente calare, facendo tesoro di quanto accaduto con l’epidemia della Spagnola tra il 1918 e il 1920.

Il comportamento tra l’andamento della pandemia di Coronavirus e quello della Spagnola secondo Guerra è sostanzialmente identico finora: «Andò giù in estate e ripete ferocemente a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti durante la seconda ondata».

L’emergenza quindi non è per niente finita, anche se come dicono altri esperti come Alberto Zangrillo, il virus è «clinicamente sparito». Secondo Guerra: «Sembra tutto finito, ma non è così». Dai nuovi focolai, fino alle terapie sempre più vuote, sono tutti eventi previsti nel corso di questa pandemia, secondo il dirigente dell’Oms: «Ma non vogliamo che le terapie intensive si riempiano di nuovo in autunno. Tutte le precauzioni che stiamo pendendo hanno l’obiettivo di circoscrivere la circolazione del virus quando questa riprenderà».

Leggi anche: