«Learning to skateboard in a warzone (If you’re a girl)»: il documentario da Oscar sulla storia delle skater afgane

Il corto della regista Carol Dysynger arriva in Italia su Rai 3. Nell’Afghanistan martoriata dalla guerra, in un quartiere di Kabul a un gruppo di giovani studenti viene insegnato il coraggio di alzare la mano e dire “ci sono”

Arriva su Rai 3 in seconda serata (oggi alle 23.10) il documentario premio oscar Learning to skateboard in a warzone (If You’re a Girl). Il corto, ambientato in Afghanistan e diretto da Carol Dysinger, racconta la storia di una classe di ragazze che in un quartiere svantaggiato di Kabul imparano a leggere e a scrivere. Ma nella scuola di «Skateistan» sono gli skateboard a essere fonte di insegnamento.

Il documentario è un toccante – e straziante – sguardo sulla vita delle ragazze in un Paese considerato tra i peggiori posti al mondo in cui nascere donne. E ruota intorno a una scuola dove oltre alla didattica tradizionale le ragazze imparano a fare piroette e a lanciarsi da pendenze con il loro skateboard. I 398 studenti, dai 5 ai 17 anni, sono sia maschi che femmine; il 41% di loro sono ragazze.

La vita di Skateistan inizia nel 2007 grazie all’intuito di Oliver Percovich che arrivato in Afghanistan con la sua ragazza, decide di usare lo sport come mezzo di emancipazione femminile e combattere l’oscurantismo dei talebani.

«Questo film è la mia lettera d’amore alle coraggiose ragazze coraggiose di questo Paese», ha detto la regista Carol Dysinger durante la premiazione agli Oscar. «Insegnano alle ragazze il coraggio di alzare la mano, dire che sono qui, ho qualcosa da dire e ho intenzione di prendere quella rampa e cercare di non fermarmi».

Leggi anche: