«Harry e Meghan frustrati e isolati»: la biografia (in uscita) non autorizzata che manda in visibilio il Regno Unito

Il duca e la duchessa di Sussex hanno già preso le distanze dalla stesura del testo, precisando di non essere mai stati intervistati

I sudditi, il mondo inglese, e non solo, trepidano. E la famiglia reale trema. Il prossimo mese uscirà infatti in libreria una biografia non autorizzata sulla coppia più chiacchierata della Royal Family: il principe Harry e Meghan Markle. Il libro, dal titolo Finding Freedom (“Alla ricerca della libertà“, ndr), è stato scritto dai giornalisti Omid Scobie e Carolyn Durand e viene serializzato dal quotidiano The Times e dal settimanale Sunday Times. La notizia è stata diffusa oggi, 25 luglio, dai media britannici.


EPA/STR UK AND IRELAND| La famiglia reale

Nel manoscritto, le rivelazioni più intime della vita a palazzo del secondogenito della principessa Diana e di sua moglie. Tra i particolari snocciolati, quelli relativi alla loro condizione di “Royals”: si sentivano frustrati perché venivano tagliati fuori dai ruoli ufficiali più prestigiosi, che andavano invariabilmente a William e Kate, e avevano la sensazione di essere «abbandonati a loro stessi» dalla famiglia reale e dalle «vipere dei cortigiani» di Buckingham Palace.

Nel volume, Scobie e Durand sostengono tra l’altro che i rapporti tra il duca e la duchessa di Sussex e William e Kate fossero talmente deteriorati che a marzo le due coppie reali si parlavano a malapena. In particolare, durante un impegno pubblico nell’Abbazia di Westminster non hanno quasi scambiato una parola nonostante non si vedessero da gennaio in seguito alla decisione dei Sussex di ritirarsi dalla famiglia reale.

Le indiscrezioni

Harry e Meghan, però, non sarebbero mai stati intervistati e per questo hanno preso le distanze dal libro – che, di fatto, deve ancora uscire. Hanno poi precisato che non hanno contributo in alcun modo alla stesura del volume. Tuttavia gli autori affermano che Meghan – con le lacrime agli occhi – non ha avuto altra scelta che lasciare dopo avere rinunciato alla sua «intera vita per questa famiglia». Secondo Scobie e Durand, inoltre, Harry era convinto che a corte stessero bloccando il suo accesso a sua nonna, la Regina, «a causa delle lotte interne e dei sospetti sul ruolo della coppia e sul loro desiderio di liberarsi dalla camicia di forza della vita reale».

Leggi anche: